Cosa resta dopo il Rim fire

Il Rim fire, l’incendio (ora sotto controllo) che quest’estate ha imperversato per settimane sulle montagne della Sierra Nevada, intorno al parco nazionale di Yosemite, ha lasciato dietro di sé cenere e devastazione.

Il fuoco ha bruciato oltre mille chilometri quadrati di
terreni forestali. All’interno di quest’area esistono zone dove il
rogo è stato talmente intenso da eliminare qualsiasi forma
di vita.

 

Secondo Jay Miller del corpo forestale degli Stati Uniti il 40 per cento
della superficie che si trova all’interno dell’area interessata
dall’incendio rimarrà inutilizzabile per molto tempo, mentre
per il restante 60 per cento gli alberi hanno subito danni ma sono
stati più forti delle fiamme.

 

Sempre secondo Miller, non era mai successo che un incendio
trasformasse una regione in un paesaggio lunare. O meglio, non
succedeva dalla piccola era glaciale del 1350. Gli scienziati
dicono che la mancanza di precipitazioni e il riscaldamento globale
hanno influito nella straordinarietà di questa
calamità.

 

Per continuare ad avere memoria di quanto accaduto anche in
futuro, abbiamo raccolto le immagini più
spettacolari e devastanti del Rim fire
, cominciato il 17 agosto
2013 e
non ancora definitivamente estinto
, nella speranza che non
accada più nei prossimi secoli.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));


post
di LifeGate.

Articoli correlati