Elezioni politiche, si voterà il 4 marzo 2018

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha sciolto le Camere, le prossime elezioni politiche per il rinnovo del parlamento si terranno il 4 marzo.

Le prossime elezioni politiche per il rinnovo della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica si terranno il 4 marzo 2018: la data, che già da qualche giorno era considerata la più probabile, è stata confermata dal Consiglio dei ministri che il premier Paolo Gentiloni ha convocato subito dopo la fine ufficiale della attuale legislatura. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella infatti, dopo aver sentito i presidenti dei due rami del parlamento Pietro Grasso e Laura Boldrini, ha firmato il decreto di scioglimento del Senato e della Camera. Fino all’insediamento del prossimo governo, l’esecutivo attuale rimane in carica, e potrà governare tramite l’attuazione di decreti legge: lo stesso Gentiloni, nella conferenza stampa di fine anno alla Camera, aveva assicurato che “l’Italia non si mette in pausa. Inizia la campagna elettorale ma il governo non tirerà i remi in barca: nei limiti delle prerogative concesse dalle leggi, il governo governerà”.

Da qui a marzo, quando si voterà con la nuova legge elettorale, il Rosatellum, non si riunirà più invece il parlamento: salta dunque la possibilità di discutere la legge sulla cittadinanza, il cosiddetto ius soli, nonostante l’appello di alcuni esponenti politici anche del Pd, come il presidente  della Commissione Diritti umani del Senato Luigi Manconi, che avevano chiesto al presidente Mattarella di posticipare lo scioglimento delle Camere solo per il tempo necessario a discutere lo ius soli.

Articoli correlati