Le più belle foto della Superluna rossa del 21 gennaio

Abbiamo raccolto alcune delle più suggestive immagini dell’eclissi totale di Luna che si è verificata all’alba del 21 gennaio. Un fenomeno come questo sarà visibile solamente fra tre anni.

“Ricordatevi di guardare in alto, verso le stelle e non in basso, verso i vostri piedi”. È il messaggio lasciatoci da Stephen Hawking, astrofisico inglese che ha permesso di comprendere meglio l’universo. Non è soltanto una metafora. Le notti cittadine sono sempre meno buie, rischiarate dalle luci artificiali che disegnano lo skyline su una tela grigiastra, tanto che il 60 per cento degli europei non vede la Via lattea. Solitamente non ci pensiamo, perché fermarci a guardare il cielo non è tra le nostre attività quotidiane. Quando fuggiamo dalla città oppure accadono eventi astronomici particolari, però, non possiamo fare a meno di restare a bocca aperta di fronte alle meraviglie della nostra galassia.

Leggi anche: La Via lattea vista dalla Sardegna è un’emozione che lascia senza fiato

Perché si parla di Superluna rossa

Milioni di persone in tutto il mondo questa notte hanno rivolto lo sguardo verso il cielo per ammirare l’eclissi totale di Luna che ha avuto inizio alle 3:35, ha raggiunto il picco alle 6:12 per poi terminare alle 6:44. È un fenomeno che si verifica quando la Terra si frappone fra il sole e la Luna che viene oscurata, ma assume gradualmente una colorazione rossastra a causa dei raggi solari rifratti dal nostro pianeta. Per questo è soprannominata Luna rossa o di sangue.

L’eclissi del 21 gennaio è stata ancora più incantevole perché la Luna era piena e si trovava nel punto più vicino alla Terra: quando queste condizioni si verificano contemporaneamente si parla di Superluna poiché appare più grande agli occhi degli spettatori che la fissano ammaliati, tuttavia gli astronomi non amano questo termine perché lo ritengono fuorviante.

La prossima eclissi totale di Luna avverrà il 16 maggio del 2022, ma non sarà visibile in tutte le sue fasi. Per contemplarne una dall’inizio alla fine dovremo aspettare il 20 dicembre 2029.

Foto in apertura © Rich Polk/Afp/Getty Images
Articoli correlati