Franco Battiato: spiritualità e musica

“Stiamo fuggendo dalla spiritualità”. Franco Battiato parla ai microfoni di LifeGate Radio.

Intervista a Franco Battiato

 

Partiamo da lontano. 25 anni fa lei si augurava il ritorno
dell’era del cinghiale bianco, quella che per gli antichi Celti
stava a significare l’età della conoscenza assoluta. Come la
vede adesso, ci stiamo avvicinando, o no?

Mah… stiamo fuggendo dalle zone spirituali, a rotta di
collo! Però uno non dispera, perché a volte proprio
quando sembra tutto perduto, tutto si ritrova in un secondo. E’
questa, la forza di questo universo.

 

Veniamo al titolo di questo ultimo album, “Dieci
Stratagemmi”. E’ ispirato ai 36 Stratagemmi, antico testo cinese
che può essere visto su diversi piani di lettura, sia come
strategia militare, che come strategia per conoscere se
stessi…

Ecco, a me interessa questa seconda lettura,
naturalmente…

 

Sono forse stimoli per ampliare le percezioni sulle
situazioni?

Ero in cerca di un titolo e capitò che Gianluca Maggi
(che ha curato un’edizione di questi 36 Stratagemmi), mi
invitò a una conferenza in Romagna, dove insegna lavora e mi
regalò questo libro.

Trovai consequenziale intitolare il disco “Dieci Stratagemmi”,
perché in fondo le canzoni sono stratagemmi.

 

“non prestare orecchio alle
menzogne

non farti soffocare dai
maligni

non ti nutrire di invidie e
gelosie.

In silenzio soffro i danni del
tempo

le aquile non volano a
stormi

vivo è il rimpianto della
via smarrita

nell’incerto cammino del
ritorno”.

Le aquile non volano a stormi,
2004
Spesso ci si concentra sui Suoi testi, ma a me
affascinano tantissimo gli arrangiamenti che ha usato. Come lavora,
come li costruisce questi dischi?
Questa domanda mi fa piacere: di solito si sottovaluta quella
che è una mia caratteristica, quella di lavorare come i
compositori tradizionali lavoravano all’orchestrazione. Per me il
brano è anche e soprattutto questo, lo sostengo dove sento
che cade, “metto paletti”, e lavoro soprattutto a questo. Quindi
quando comincio a scrivere un brano che mi convince – perché
sennò lo abbandono – se sento che c’è del buon
materiale, allora lo sviluppo, cominciando a provare tutte le
possibilità: se mi viene in mente una tromba provo, se non
mi convince passo al violino, c’è la ricerca in quello che
chiamiamo il mondo dei “plug in”, dove puoi modificare un timbro,
entrare nella forma d’onda. Questo è il futuro meraviglioso
che attende i musicisti.

 

Un lavoro con pianoforte e computer
affiancati?

Il pianoforte lo uso se ho bisogno proprio del suono del
pianoforte. Di base, lavoro all’interno del computer. Da solo, io e
il computer.

 

Com’è nata la collaborazione con i Krisma,
storico gruppo degli anni ’70-80 a metà tra il punk e la new
wave, formato da Maurizio Arcieri e Cristina Moser e ancora attivo
in ambito techno?

E’ stato molto divertente, ci siamo rincontrati durante la
lavorazione del mio film, Perduto Amor. Ebbi la buona idea di far
fare a Maurizio Arcieri la parte che lui fece negli anni Sessanta,
come se questi 40 anni non fossero passati.

Quando poi ero già in chiusura del disco, mi vennero a
trovare in sala di registrazione, per farmi sentire del loro
materiale. Mi piacquero. Presi tre sequenze, ci lavorai al
computer, e poi con Manlio abbiamo fatto tre pezzi, insieme con i
Krisma.

 

Per quanti anni ha vissuto a Milano?

Vi ho vissuto dal ’64 all’88: ventiquattro anni. Ma la
considero sempre casa mia. Non m’immagino di venire a Milano e
andare in albergo.

 

Dopo quest’esperienza, cosa ne pensa di questa
città, in relazione alla qualità della
vita?

A me è sempre piaciuta, anche se qualcosa si è
deteriorato anche a Milano: perché tutto in Italia, è
peggiorato, il traffico, l’educazione… Tutto è
peggiorato. Ma Milano è una città che ti dà la
possibilità anche di un anonimato che è piacevole,
una città che si fa gli affari suoi, di gente che pensa al
lavoro e non a spettegolare o a occuparsi degli affari degli
altri…

 

Perché nei suoi album canta spesso in lingue
diverse, fra cui l’inglese, ma non solo?

Perché sono un viaggiatore. E’ il fascino delle lingue,
non solo l’inglese (che non è quella che mi affascina di
più), soprattutto le lingue di ceppo ungarico, le varie
lingue europee… Mi intriga molto il fatto che in ogni lingua
si possano dire delle cose adatte solamente a quella e dette bene
in quella lingua.

E poi, diceva bene una mia amica scrittrice, “bisogna imparare
la lingua dei padroni”!

 

Non sono mussulmano né
induista

né cristiano né
buddista

non sono per il
martello

né per la
falce

né tanto meno per la
fiamma tricolore

perché sono un
musicista.

I’m that, 2004

Ha mai fatto un album tutto in un’altra
lingua?

In spagnolo. Sì, l’ho fatto, negli anni passati. Fu un
direttore artistico, molto simpatico, all’epoca lavorava alla EMI
americana, appassionato di ciò che facevo. Stavo incidendo
un disco alla Capitol Town di Los Angeles. Venne a trovarmi e mi
disse “tu non esci da questa sala se non mi canti un disco in
spagnolo”, io risposi “non voglio cantare in spagnolo, non
m’interessa”, trovavo la lingua, come dire, ridicola. Poi ho dovuto
ricredermi, ho fatto auto da mè. Anche se a me “busco un
centro de gravidad” non mi veniva…

Fu un boom in Spagna e nei Paesi sudamericani. Pazzesco. Gli
devo essere grato.

 

E’ vero che lei è contrario dalla sparizione
del latino dalla liturgia?

Certo. Il mistero di una lingua che non conosci bene si perde.
La liturgia in sé perde fascino, diviene più
quotidiana, si immettono vocaboli comuni che ti riportano a una
confidenza che abbassa il livello del sacro.

 

Requiem aeternam dona eis
Domine

et lux perpetua luceat
eis

te decet hymnus deus in
Sion

et tibi reddetur votum in
Jerusalem

exaudi orationem meam ad te
omnis

caro veniet.

Kyrie eleison, Christe
eleison

Kyrie eleison, Khriste
eleison.


Pasqua Etiope, 1979Ci parla del secondo film, da regista, che ha in
lavorazione?
Sono avanti. Dovremmo cominciare a girare a febbraio,
marzo.

 

C’entra Beethoven?

Nella parte centrale del film.

 

Com’è nato l’incontro con Alejandro
Jodorowsky?

L’ho cercato, stava presentando un libro in Italia. Cercavo
non qualcuno che facesse la caricatura di Beethoven. Cercavo una
personalità, un’eccellenza, non qualcuno che imitasse
Beethoven.

 

Cosa ammira di Jodorowsky?

La personalità, la sua ricerca, il suo talento. Nei
suoi film, che piaccia o no, ha espresso qualcosa di diverso.

 

Già nel 1979, nella canzone Magic Shop,
ritraeva con un certo sarcasmo la ricerca di forme di
spiritualità orientali in termini “da consumo di massa”. A
partire dagli anni ’90 un fenomeno tornato, in un certo senso, col
nome di New Age.

Pericolosissimo…

 

È cambiato qualcosa?

Uno non deve perdere tempo con le cose che non gli sono
affini. Ognuno deve andare avanti per la sua strada, senza
occuparsi e senza criticare le scelte altrui, affari loro,
no?

Uno può dire “io non appartengo a quell’area, non
m’interessa questo genere di manifestazione”.

Mi è successo tante volte nella vita di andare
d’accordo con un ateo e avere problemi con un credente. Non
è la parrocchia che fa la cordata mistica.

 

C’è chi parte con un raga
della sera

e finisce per cantare “la
Paloma”.

E giorni di digiuno e di
silenzio

per fare i cori nelle messe tipo
Amanda Lear

vuoi vedere che l’Età
dell’Oro

era appena l’ombra di Wall
Street?

La Falce non fa più pensare
al grano

il grano invece fa pensare ai
soldi.

E più si cresce e
più mestieri nuovi

gli artisti pop, i manifesti ai
muri

i Mantra e gli Hare Hare a mille
lire

l’Esoterismo di René
Guénon.

Una Signora vende corpi
astrali

i Budda vanno sopra i
comodini

deduco da una frase del
Vangelo

che è meglio un imbianchino
di Le Corbusier.

Eterna è tutta l’arte dei
Musei

carine le Piramidi
d’Egitto

un po’ naifs i Lama
tibetani

lucidi e geniali i
giornalisti.

Supermercati coi reparti sacri che
vendono

gli incensi di Dior

rubriche aperte sui peli del
Papa.

Magic Shop, 1979“Dieci Stratagemmi” è anche un album molto
politico. Ci sono pezzi assolutamente espliciti in questo senso
(“Ermeneutica”).
In un’intervista, Richard Gere – io sono stato abbastanza duro
con questo presidente – ma gli artisti americani lo sono molto di
più: ha definito Bush “una recluta dei terroristi”. Che mi
sembra una definizione perfetta e indiscutibile.

 

Eiacula precocemente
l’impero

Ritorna il circolo dei
combattenti

gli stati servi si inchinano a
quella scimmia di presidente

s’invade si abbatte si insegue si
ammazza il cattivo

si inventano
democrazie


Ermeneutica, 2004C’è un verso di una sua vecchia canzone, che mi
ha sempre colpito molto. Ci può spiegare il significato? E’
ancora d’accordo? È tratto da Up Patriots to Arms: “le
barricate in piazza le fai per conto della borghesia che crea falsi
miti di progresso”…
Oh, sì! Ne sono veramente ancora oggi fermamente
convinto. Quando qualcuno fa così vuole sostituire il suo
potere a quello dell’altro. Va bene, ci piace il consumo, la
televisione, non ho niente da criticare. Però una persona
può anche vivere con poco. E vivere bene, se ne ha la
capacità interiore. Anche mangiando poco. Un po’ di pane e
latte la sera. Si può. Non è quello il problema.
Basta un minimo di lavoro che possa garantire l’affitto, le cose
essenziali e uno può vivere degnamente.

Bob Dylan ha detto una cosa che ha scandalizzato tutti,
ultimamente. È uscito con un

Articoli correlati
Intervista ai Portico Quartet

Durante il suo tour estivo in Europa la promettente band inglese dei Portico Quartet si racconta ai microfoni di LifeGate Radio.