Hatha yoga: le nadi

Le nadi sono i “percorsi”, meglio sarebbe dire “modelli”, secondo i quali l’energia vitale, prana, scorre nel nostro corpo.

Le nadi sono i “percorsi”, meglio sarebbe dire “modelli”, secondo i
quali l’energia vitale, prana, scorre nel nostro corpo.

I trattati di yoga menzionano 72.000 nadi, tra le quali grande
importanza è attribuita a Ida, Pingala e Susumna, i percorsi
energetici che scorrono intorno e al centro della colonna
vertebrale.
Il benessere fisico dipende dall’appropriato flusso pranico lungo
le nadi, ma anche i cambiamenti nel modo di pensare, sentire e
comportarci, ossia la nostra dimensione mentale e psichica, sono
legati all’armonico o disarmonico fluire dell’energia.

L’efficace funzionamento del nostro corpo energetico dipende dal
libero flusso del prana, in pratica dallo stato di pulizia delle
nadi. Quando sopravviene un’imperfezione nelle nadi, questa conduce
al malessere o al disordine psicofisico.

Lo hatha yoga inizialmente tratta il problema rimovendo il difetto
al fine di aprire il passaggio naturale delle nadi per il libero
flusso delle correnti praniche. Su questa base dirige poi e regola
queste correnti provocando un cambiamento nei loro modelli:
nell’hatha yoga si pratica infatti per creare un generale flusso
armonico nell’individuo e un equilibrio dinamico dell’energia che
favorisca l’instaurarsi dello stato di meditazione.

Articoli correlati