I doni dalla Natura. Una riflessione per l’uomo

La Natura nutre, disseta, scalda. Offre bellezza e amore, un capolavoro che rende possibile la vita.

I mistici di ogni religione, apprezzandone la grandezza, si sono immersi in essa per trovare la saggezza. Ma l’uomo no. Non ne è stato capace. L’ha sfruttata e deturpata, per egoismo, per i propri interessi. Non ne ha rispettato i tempi e i processi naturali e così facendo ha perso un bene prezioso: la profonda armonia con la Terra capace di creare benessere globale. Distruggere ciò che è essenziale è come distruggere la vita stessa. Così il pianeta si è ammalato e con lui tutti noi. Nel corpo e nel cuore. La Natura ha la capacità di curarsi,
si rigenera, si trasforma. E anche noi, se veramente lo vogliamo. Le radici di un albero stanno sotto la terra, lo sostengono, lo nutrono, lo fanno crescere forte e sano. Un bel giardino è il frutto di una cooperazione: l’uomo lo semina e lo assiste ma senza interferire con le sue leggi. Piantare semi di buone azioni favorisce una vita migliore, però è necessario ritrovare quella parte della nostra personalità in origine pura e buona. La via è ritornare alle radici del nostro mondo interiore, l’anima, dove le qualità di ognuno di noi stanno in un forziere, forse dimenticato e abbandonato ma che sono gli strumenti che ci permettono di guardare al futuro con una prospettiva diversa.

Articoli correlati
Agli uomini, con amore

La maggior parte della popolazione maschile non si sente rappresentata da chi violenta, picchia e uccide le donne. Nel suo editoriale Simona Roveda, direttore editoriale di LifeGate, lancia un appello agli uomini affinché siano proprio loro a farsi portavoce di una nuova visione morale, sentimentale e sessuale del rapporto tra generi.