Iggy Pop produce la nuova serie tv Punk

Dedicata alla scena punk anni Settanta, fra i protagonisti ci saranno John Lydon, Marky Ramone, Dave Grohl e tanti altri.

Non potrebbe esserci titolo più esplicito: Punk, il nuovo documentario prodotto da sua maestà Iggy Pop e dall’amico stilista John Varvatos, ripercorrerà la storia del genere che ha rivoluzionato la musica rock alla fine degli anni Settanta. Il documentario sarà suddiviso in quattro episodi che andranno in onda dal’11 marzo sul canale americano Epix.

Un poster dei Ramones presso il locale punk CBGB'S di New York.
Punk, il nuovo documentario prodotto da sua maestà Iggy Pop, ripercorrerà la storia del genere che ha rivoluzionato la musica rock alla fine degli anni Settanta © Katy Winn/Getty Images

I dettagli non sono ancora stati diffusi, ma una cosa è già chiara: sarà un lavoro epico che ospiterà, sottoforma di intervista, le testimonianze di alcuni degli artisti protagonisti della scena, nonché personalità che all’epoca gravitavano nel circuito musicale e artisti contemporanei che da sempre si definiscono accaniti fan della musica punk. 

Nella serie tutti i protagonisti della scena punk anni Settanta

I nomi di cui già si parla sono John Lydon dei Sex Pistols, Marky Ramone dei Ramones, Wayne Kramer, leader degli MC5, Jello Biafra dei Dead Kennedys e Debbie Harry e Chris Stein dei Blondie, oltreché Dave Grohl, il bassista dei Red Hot Chili Peppers, Flea, Duff McKagan, bassista dei Guns N ‘Roses, il capo dell’Elektra Records, Danny Fields, il critico musicale Legs McNeil e Penelope Spheeris, regista di film come Wayne’s World. Non solo un excursus nella musica, quindi, ma un viaggio nella storia di un vero e proprio movimento culturale.

Lo stilista e appassionato di musica John Varvatos, che una decina di anni fa ha anche rilevato le sale del CBGB, lo storico locale che ha visto calcare le scene praticamente di tutti gli artisti della scena punk anni Settanta, a proposito del suo coinvolgimento nella serie ha detto:

Esplorare e rivivere la storia del punk è stato un vero e proprio lavoro di cuore per me. La capacità del punk di trascendere generazioni nella sua cultura, musica e stile è una storia che deve essere raccontata. Quindi … Hey! Ho! Let’s go!
Immagine di copertina: Iggy Pop sul palco del Carling Weekend Reading Festival © Jo Hale/Getty Images

Articoli correlati
La musica al museo

Il pop contemporaneo guarda costantemente e irrimediabilmente al passato? Una cosa: la musica al museo piace.