Il primo album di Bob Dylan

Il 19 marzo 1962 usciva per la Columbia l’esordio del menestrello di Duluth, l’allora sconosciuto Bob Dylan

E’ con il primo LP che Bob Dylan – Robert Allen Zimmerman all’anagrafe – inizia a fare sul serio. Prodotto dal mentore John Hammond, talent scout della Columbia, il primo LP del menestrello di Duluth viene registrato in due sole sedute (20 e 22 novembre ’61), per un costo totale di 402 dollari.

 

 

Il 19 marzo 1962 esce quindi Bob Dylan (Columbia), raccolta di traditionals americani, nonché primo – timido – tassello di una carriera che in pochi anni lo porterà a essere “il Profeta” (appellativo che il nostro ha sempre rifiutato). Il primo album è composto da tredici brani che vengono dalla tradizione popolare, un tributo stilistico ai maestri di folk (Woody Guthrie e Pete Seeger), blues (Robert Johnson, Blind Lemon Jefferson) e country (Hank Williams), nonché a folksinger conosciuti in quel periodo al Greenwich Village (su tutti l’amico Dave Van Ronk, ospite nel disco).

 

Dylan si attribuisce gli arrangiamenti di questi brani per chitarra, voce e armonica pescati dalla tradizione. Firma anche un talkin’  blues (Talkin’ New York) e la prima composizione originale, Song To Woody, tributo sentito a Woody Guthrie, padre putativo del folk revival. Questo primo LP riceverà qualche recensione entusiastica ma è con il secondo, The Freewhelin’ Bob Dylan (Columbia, 1963), che il menestrello consegnerà alla storia la sua prima grande pietra miliare.

 

Roberto Vivaldelli

Articoli correlati
Le canzoni più belle dell’estate 2020 secondo LifeGate Radio

Per chi non avesse la possibilità di ascoltare LifeGate Radio in FM oppure online ecco una playlist con le canzoni che ci terranno compagnia durante questa estate. La lista sarà aggiornata periodicamente quindi provate a ripassare. La trovate anche su Spotify, sul nostro profilo LifeGate Radio.