Solare termico: il Sole ci riscalda anche il cuore!

L’utilizzo dell’energia solare può avvenire a in vari modi: Il solare termico a bassa temperatura ci permette di riscaldare l’acqua grazie alla luce

L’utilizzo dell’energia solare può avvenire a due diversi livelli: “il solare termico a bassa temperatura”, in cui l’energia del sole viene utilizzata per riscaldare un fluido (gas o liquido), da utilizzare direttamente (acqua calda sanitaria) o per riscaldare a sua volta un edificio, un locale, ecc…, e “il solare termico a media o alta temperatura”, in cui, attraverso un primo forte riscaldamento del fluido si produce, alla fine del processo, elettricità.

Come funziona il solare termico

Nel solare termico, che è quello che ci riguarda più direttamente per praticità di installazione e gestione, l’impianto è composto da un dispositivo attraverso il quale si scalda il fluido chiamato collettore, o pannello, solare e da un serbatoio dove viene riposta l’acqua scaldata, in attesa di utilizzo. Generalmente il collettore è formato da un vetro, sotto al quale passa il fluido da riscaldare e da una camera di accumulo (di colore scuro per assorbire meglio i raggi solari). Con questo tipo di dispositivo non si raggiungono temperature elevate (40°C – 60°C), per questo viene chiamato solare termico a bassa temperatura, ma è una tecnologia oramai consolidata e capace di garantire un risparmio energetico considerevole.

L’efficacia dei pannelli solari dipende dalla latitudine e dall’orientamento e inclinazione rispetto al sole della superficie captante (superficie trasparente). Per la prima condizione non si può fare molto visto che dipende dalla località in cui ci troviamo…. la posizione del panello (orientamento e angolazione) invece è certamente un fattore che ci permette di ottimizzare il rendimento termico dell’impianto.

Basta poco per avere un impianto solare termico fai-da-te

Per concludere ecco un suggerimento per realizzare un impianto solare “fai da te” utile per chi ha una piscina all’aperto, una casa in campagna o al mare e per i più intraprendenti da utilizzare ovunque: arrotolando un lungo tubo di neoprene scuro (si trovano grigio scuro o neri molto facilmente), intorno a un vecchio tronco d’albero (o un pilastro o qualsiasi elemento cilindrico che non vi serva) e lasciandolo ben esposto al sole durante il giorno, la sera avrete a disposizione acqua calda gratis per farvi una bella doccia!

Articoli correlati