IllogicoInno

IllogicoInno. Stamattina, ho visto una Fiat 128 sport con un adesivo sul lunotto posteriore che diceva: Viva l’Italia.

Illogicoinno…

 

E allora, mi è venuta voglia di fare una cosa che non
faccio quasi mai: sentirmi orgoglioso di essere italiano.

Ho pensato alla mia terra, ai suoi colori nel sole, ai suoi
vicoli che portano al mare, ho pensato ai suoi poeti e ai suoi
eroi, ai ragazzi raccontati da Benigni che hanno lottato per essere
liberi e perché noi lo fossimo dopo di loro, ho pensato a chi
durante la seconda guerra mondiale è salito in montagna e con
le scarpe rotte ha difeso questo dilaniato Paese, ho pensato a
Sandro Pertini, ho pensato agli intellettuali che con le loro
parole hanno sferzato le nostre coscienze, ho pensato a Gaber,
Montanelli, Gramsci, ho pensato ai ragazzi che partono ma che
vorrebbero restare perché all’estero si lavora ma in Italia si
respira, ho pensato a me, con il cuore diviso tra il mare e la
pianura e mi sono sentito bene, a casa, al caldo.

 

Questo Paese mi appartiene, tutto intero, così com’è
e stamattina sono davvero stanco di vederlo calpestato, vilipeso,
saccheggiato, da uomini senza scrupoli, che non valgono la
metà di chi ha fatto la storia dell’Italia.

Vorrei che fosse tutto un sogno, che ci si svegliasse di colpo
da una notte troppo lunga, vorrei che i versi di Fratelli d’Italia
sussurrati da Benigni a Sanremo, scendessero su di noi come una
piccola preghiera laica di rivoluzione.

Sarebbe bello, sarebbe giusto….

 

Alla prossima Illogica Allegria e buona strada a tutti
noi…

Articoli correlati