Expo 2015

Iniziamo a cucinare la salute con gusto

Gusto, salute, sostenibilità: tre parole chiave per il presente e il futuro della tradizione gastronomica italiana. Vi anticipiamo Cucina la Salute con Gusto, un nuovo progetto che declinerà le ricette popolari italiane in chiave salutistica e sostenibile.

Un ambizioso progetto che vede per la prima volta insieme due associazioni di categoria e l’azienda punto di riferimento per la sostenibilità e alcune grandi aziende con l’obiettivo di testimoniare l’evoluzione della tradizione culinaria italiana.

 

L’APCI – Associazione Professionale Cuochi Italiani, insieme ad Andid, Associazione Nazionale Dietisti e a LifeGate, azienda punto di riferimento per la sostenibilità, hanno lanciato il nuovo progetto “Cucina la Salute con Gusto”, che sostiene i temi di EXPO 2015 legati a nutrizione e ambiente.
Un’iniziativa importante che vede per la prima volta collaborare insieme attori di provenienze e storie diverse, con l’obiettivo di creare un percorso importante intorno alla cucina della tradizione che oggi può diventare un patrimonio culturale, arricchito da nuove interpretazioni che tengano conto di un approccio attento alla salute e alla sostenibilità ambientale ed etica.

 

cucina la salute con gusto

 

Il percorso, nato da un’idea dell’azienda mantovana Ballarini, vede l’impegno di alcune importanti imprese alimentari, scelte proprio perché condividono gli stessi ideali di eticità e approccio innovativo alla tradizione, portato avanti dalle associazioni. Protagonisti di questa avventura sono La Molisana, Granarolo, Mutti, Monini, Orogel e Dupont.
Il fine comune è diffondere messaggi corretti, condivisi e applicabili a differenti livelli sulle tavole degli italiani e, più in generale, nel mondo della ristorazione, promuovendo corrette abitudini alimentari, anche in chiave salutistica ed ecosostenibile.

 

logo_cucina la salute con gusto

 

Basato su un’importante analisi condotta da Andid nel corso dell’iniziativa “La giornata della buona alimentazione” e sulle ricette tratte dal testo storico “Le ricette regionali italiane” di Anna Gosetti della Salda, il progetto prende spunto dalle abitudini alimentari degli italiani per costruire un percorso educativo e culturale, che nel corso del 2015 si esprimerà attraverso attività rivolte ai consumatori e al mondo dei professionisti.

 

 

Articoli correlati