La Germania ha la sua prima pista ciclabile solare

La prima pista ciclabile solare della Germania potrebbe essere il prototipo delle strade del futuro. Le piastrelle fotovoltaiche sciolgono neve e ghiaccio e sono in grado di assorbire il rumore.

Da novembre la Germania ha la sua prima pista ciclabile solare. Si tratta di un percorso di novanta metri inaugurato a Erftstadt, zona a sudovest della città di Colonia, che comprende centocinquanta moduli solari i quali danno alla pista ciclabile l’aspetto di un selciato.

prima pista ciclabile solare germania erftstad
La pista ciclabile solare di Erftstadt, in Germania, è composta da piastrelle fotovoltaiche antiscivolo in grado di sciogliere neve e ghiaccio (Photo by Michael Gottschalk/Getty Images)

Tra le caratteristiche di questa pista ciclabile solare la capacità di assorbire i rumori e la capacità di sciogliere ghiaccio e neve, così da ridurre i costi di manutenzione soprattutto in inverno. Secondo Donald Müller-Judex, l’ideatore dell’ambizioso progetto, ogni metro quadrato costa circa duecentocinquanta euro: la pista di Erftstadt bei Köln sarebbe costata poco meno di cinquantamila euro.

La prima pista ciclabile solare della Germania come prototipo per le strade del futuro?

Il breve percorso realizzato con delle piastrelle fotovoltaiche sarà in grado di fornire alla rete elettrica locale ben seidicimila chilowattora ogni anno, ovvero ottanta per ognuno dei duecento metri quadrati di cui è composta la pista solare di Erftstadt.

Leggi anche: La pista ciclabile solare così efficiente che la vogliono anche in California

Il vetro delle piastrelle fotovoltaiche blu scuro sarebbe così resistente da sopportare tranquillamente l’attraversamento di un camion, mentre la particolare struttura eviterà che le biciclette possano scivolare al passaggio. Questo significa che in futuro questa tecnologia potrebbe essere applicata anche su strade e autostrade: un calcolo dell’azienda Solmove ha previsto la possibilità di dare energia fino a venti milioni di automobili elettriche qualora solo le strade tedesche fossero costituite da piastrelle solari.

Un cambiamento che sarebbe epocale se fosse accompagnato da altre innovazioni tecnologiche come la ricarica delle batterie per induzione, la presenza di sensori nelle celle solari nelle piastrelle solari per misurare i flussi di traffico e ottimizzare il funzionamento dei semafori, fino all’organizzazione del traffico per opera dei vecoli a guida autonoma.

Leggi anche: Germania, morto attivista che proteggeva la foresta di Hambach dalla miniera

Il solare della pista ciclabile di Erftstadt come alternativa al carbone della foresta di Hambach

Questa pista ciclabile solare nei dintorni di Colonia assume anche un valore politico, visto che ci troviamo a circa mezz’ora di macchina dalla foresta di Hambach. Proprio qui degli attivisti hanno difeso l’area, vivendo sugli alberi della foresta per evitarne il taglio, dal pericolo di ulteriori attività di estrazione del carbone. I novanta metri di pista fotovoltaica prodotti a Erftstadt potrebbero aprire la strada alla tecnologia solare applicata su piste ciclabili, strade e tetti, trasformandosi in un’alternativa energetica alla lignite della foresta di Hambach.

Articoli correlati
A un italiano su tre piacerebbe andare al lavoro in ebike

Gli italiani sono al terzo posto su dieci Paesi europei per la disponibilità ad andare al lavoro in ebike. La motivazione principale a favore è la tutela dell’ambiente, a scoraggiare il maltempo e il costo delle biciclette elettriche.