Veterinaria

La salute del cane: consigli per il suo benessere

La salute del cane: consigli e informazioni utili per farlo rimanere e vivere in ottima forma.

Una premessa in tema di salute del proprio cane: è importante sapere che non potrete mai sostituirvi al veterinario. Infatti, così come ogni famiglia ha il proprio medico di fiducia a cui rivolgersi per la cura e la prevenzione delle malattie, nello stesso modo è necessario avere un veterinario a cui affidare la cura del proprio cane, un professionista che possa seguirlo nel tempo per i consueti trattamenti vaccinali e le visite periodiche, e intervenire in caso di necessità urgente. Il rapporto di fiducia e la costante collaborazione tra proprietario e veterinario sono indispensabili per poter effettuare delle diagnosi corrette e intervenire con la terapia .

 

La salute del cane

Un veterinario specializzato per la salute del cane

Anche tra i veterinari esistono professionisti generici e altri specializzati nella cura degli animali da compagnia; tra questi ultimi alcuni possiedono una specifica esperienza in settori particolari (cardiologia, oftalmologia, traumatologia ecc.). È però consigliabile che sia il veterinario di fiducia a indicare al proprietario lo specialista a cui rivolgersi. Ecco comunque i principali sintomi generali di malessere nel cane: svogliatezza; abbattimento; rifiuto al gioco; mancanza di appetito (anoressia); vomito e/o diarrea persistente; scolo nasale e delle congiuntive; sete e/o fame ingiustificata (polidipsia e polifagia); temperatura rettale elevata.

 

dog_5

 

Ma quali sono i paramatri fisiologici a cui far riferimento per la salute del cane? Ecco i principali. La temperatura rettale (°C): cucciolo – 38-39° – Adulto – 37,5-38°.  La frequenza respiratoria (per min.): nel cucciolo va tra 20 e 22; nell’adulto tra 14 e 20 (atti respiratori). Le pulsazioni al minuto: nel cucciolo tra 100 e 130, nell’adulto tra 60 e 120.

Le malattie infettive

“II cane – spiega la dottoressa Cinzia Cortelezzi, medico veterinario –  durante la propria vita, viene a contatto con numerosi agenti infettanti (virus, batteri ecc.) che possono in alcuni casi determinare delle malattie. È quindi molto importante osservare alcune fondamentali norme igieniche e di profilassi, per evitare il contagio da altri animali e l’eventuale patologia e morte del soggetto. Sarebbe opportuno, per esempio, non condurre il cucciolo in luoghi affollati da altri cani (giardini pubblici, pensioni, mostre ecc.) prima che siano stati completati i piani vaccinali. Non si deve dimenticare che in seguito alla vaccinazione il cane può essere meno resistente verso banali agenti patogeni, perché già impegnato nella risposta immunitaria stimolata dal vaccino.” 

dog_3

È impossibile suggerire un programma vaccinale universalmente valido: in genere, deve essere vagliato di volta in volta a seconda delle differenti condizioni di allevamento e della situazione epidemiologica della malattia.

 

Consigli e informazioni utili

  • evitare il contatto con cani adulti prima di completare le vaccinazioni;
  • non causare stati di stress dovuti per lo più a bruschi cambiamenti alimentari, climatici e ambientali in genere nei primi giorni immediatamente dopo le vaccinazioni;
  • non fare il bagno ai cuccioli e cuccioloni;
  • seguire scrupolosamente le indicazioni del veterinario di fiducia che sull’osservazione del singolo soggetto potrà fornire utili consigli;
  • alimentare bene il cane e, intervenire se necessario, con una corretta integrazione vitaminico-minerale;
  • ripetere i richiami vaccinali su indicazione veterinaria e non pensare mai di aver “chiuso la partita” con l’agente infettante;
  • effettuare periodici controlli e trattamenti antiparassitari.

I consigli per le principali malattie infettive 

  • Cimurro
  • Epatite Infettiva Virale
  • Herpesvirus
  • Parvovirosi
  • Tosse dei Canili
  • Rabbia
  • Leptospirosi

II termine di parassita spiega il tipo di rapporto esistente tra l’organismo del cane e e l’indesiderato ospite; quest’ultimo sfrutta l’animale vivendo in una condizione di equilibrio che può condurre a morte l’animale come conseguenza di una forte densità di parassiti o altri fattori concomitanti che debilitano il soggetto. Le parassitosi sono determinate da agenti che possono essere unicellulari, come la Babesia canis (agente della piroplasmosi), o piccoli organismi come artropodi, insetti ed altri, oppure vermi. Generalmente il contagio avviene per contatto con uova o altre forme larvali disperse nell’ambiente da cani già ammalati o da altri animali che fungono da ospite intermedio.

 

dog_4

 

Alcuni di questi parassiti sono pericolosi anche per l’uomo. Il livello di infestazione può variare in funzione di: età (quasi tutti i cuccioli presentano vermi intestinali); ricettività individuale; ambiente (aree rischiose sono i giardini e i canili con elevata concentrazione di animali); ciclo biologico del parassita.

II trattamento terapeutico deve, comunque,  essere effettuato in base al tipo di parassita e agli organi colpiti, seguendo con attenzione la prescrizione del vostro veterinario; infatti i farmaci usati contro il parassita possono essere dannosi anche per il cane, poiché tali rimedi cercano di bloccare dei cicli biochimici di base. Dato l’elevato pericolo di infestazione del cane e la possibilità di trasmissione, per alcuni di questi, all’uomo, è buona norma effettuare costanti controlli e trattamenti specifici per gruppi di parassiti. I controllo devono iniziare già dalla primissima età. E dovranno essere ripetuti periodicamente. Anche in questo caso il consiglio del veterinario di fiducia si rivela imprescindibile per preservare lo stato di benessere e di salute del nostro cane.

Articoli correlati