Le radici del movimento no global

Come

È la città di Jimi Hendrix, Paul Simon
e altre star della musica ‘star and stripes’. È la
città dei camion americani Kenworth, pesanti e fumosi, ma
anche delle più light e avanzate dot.com del pianeta. Nelle
sue strade sono nati gli stili della moda grunge e, il 30 novembre
1999, il movimento del “popolo di Seattle”.

A Seattle quel giorno del ’99 c’erano i lavori della Terza sessione
ministeriale del WTO, l’Organizzazione mondiale del commercio. In
agenda, l’abbattimento delle barriere doganali per le merci
provenienti dai paesi ricchi e lo scavalcamento delle leggi
ambientali locali in forza dei princìpi del libero
commercio.

È esplosa la protesta di più di 700 organizzazioni e
di 60mila persone per le strade di Seattle, che hanno fisicamente
impedito lo svolgimento dei negoziati. È nato un movimento
di protesta civile internazionale composto da organizzazioni non
governative, associazioni per il Terzo Mondo, fondazioni culturali,
sindacati, sindacati, associazioni di consumatori e cittadini.
Uniti dal comune intento di contrastare la mondializzazione senza
regole, l’omologazione culturale che non riconosce la
dignità delle minoranze e dei popoli più deboli.
Principali obiettivi: maggiore democrazia economica, remissione del
debito dei paesi poveri, controlli sullo strapotere delle
multinazionali, opposizione al transgenico e alla depredazione
delle culture, delle ricchezze, delle tradizioni locali.

Ma come è nato questo movimento? Perché le strade di
Seattle e poi Washington, Chiang Mai in Thailandia, Philadelphia,
Praga, Melbourne e Goteborg e infine di Genova, durante il G8 per
il Genoa Social Forum il 20-22 luglio 2001, si sono colmate di
manifestanti, di pacifisti e black bloc, di volontari e di
contestatori, di ‘mani bianche’ e di pugni?

La Clinton Administration Agenda prevedeva, per quel round di
negoziati, alcune misure che avrebbero immediatamente nuociuto
all’ecosistema. Le radici ambientaliste della protesta sono
profonde, nel terreno di scontro tra associazioni verdi e lobby
multinazionali per gli Ogm e le politiche ambientali
internazionali, il vilipeso trattato sul clima di Kyoto.

Ma c’è di più. Per la strade di Seattle, a Genova
l’anno scorso, a Genova quest’anno, c’erano volontari per
l’abolizione della pena di morte che inneggiavano: “Mumia!” (M. Abu
Jamal, Wesley Cook, il giornalista nero delle black panther
condannato a morte in Usa). C’erano esuli iraniani che denunciavano
la violazione dei diritti civili in patria. C’era un esercito
multicolore di ragazzi i cui gesti sembrano essere di autodifesa.
Autodifesa da un’aggressione invadente. Silenziosa. Soffocante. E
che ha provocato, per autodifesa, uno spasmo, anche violento. Alla
ricerca di aria.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Coltivare la barba di Giove: segreti per un giardino rigoglioso

La barba di Giove, o Centranthus ruber, incanta per le sue fioriture prolungate e la resistenza alla siccità, rendendola una gemma nei giardini. Questa perenne illumina gli spazi dal tardo spring all’autunno con fiori che variano dal rosso vivace al bianco e rosa, attrattiva per farfalle e api. Non solo bella, ma anche ricca di

9 Consigli pratici per il cambio armadio in vista dell’inverno

Con l’arrivo dell’inverno, il cambio di stagione costituisce un’attività di riordino fondamentale, una tappa obbligata per dare un nuovo volto al tuo guardaroba in vista dell’arrivo di condizioni climatiche più rigide. E’ arrivato quindi il momento di preparare il guardaroba in modo strategico per affrontare le sfide climatiche e per trovarti a tuo agio nella