Morrissey a General Motors: “Iniziate a utilizzare pelle vegan per gli interni dei vostri veicoli”

Una lettera di Morrissey a General Motors per chiedere alla multinazionale di Detroit di utilizzare pelle di origine vegetale per gli interni dei propri veicoli.

Attenzione, immagini e video presenti in questo articolo potrebbero urtare la tua sensibilità

Morrissey è uno degli artisti internazionali più attivi in difesa del mondo animale. Vegano convintissimo dall’età di undici anni (qualche anno fa ha tentato di proporre il primo concerto vegetariano in cui, cioè, gli stand gastronomici servissero solo cibo meat free), più volte si è schierato con PETA – People for the Ethical Treatment of Animals – per cui è stato ambasciatore di campagne di sensibilizzazione a favore dei diritti degli animali (come quella di denuncia delle atroci condizioni degli animali negli allevamenti intensivi).

Morrissey immortalato con un tacchino.
Morrissey insieme a Cloe the Turkey per la campagna “Turkey Is Diner, Not Dinner” di PETA. Foto by Chris Polk/FilmMagic.

Morrissey a Detroit, sede della General Motors

Ora il cantante, approfittando del suo concerto al Royal Oak Music Theatre nella Motor City Detroit (previsto per il 23 novembre, ma posticipato al 7 dicembre a causa di un’indisposizione di un membro della band), ha deciso di rivolgersi alla General Motor – multinazionale dei motori con sede proprio a Detroit – per cercare di porre fine alle atrocità perpetrate ai danni degli animali dai fornitori di cuoio per gli interni dei veicoli prodotti dalla casa automobilistica.

La richiesta di Morrissey arriva in seguito a una video-inchiesta condotta dall’organizzazione non governativa Repórter Brasil e divulgata da PETA qualche giorno fa, che mostra come diversi allevamenti di bestiame in Brasile adottino metodi assai barbari nei confronti degli animali, ancor prima di macellarli per ricavarne pelle per interni di automobili.

La lettera di Morrissey a General Motors

Morrissey ha indirizzato una lettera al CEO della casa automobilistica chiedendo che GM possa offrire ai propri clienti la scelta di interni in pelle vegan, ossia a base vegetale. In particolare, il musicista propone di inserire quanto prima questa possibilità in modelli come Chevrolet Bolt e Volt che la casa automobilistica promuove già come eco-friendly.

Nella lettera si legge:

Sempre più persone scelgono di usare pelle di origine non animale, per il bene delle mucche e dell’ambiente. Il 51 per centro delle emissioni globali di gas serra è provocato dagli allevamenti animali. Le pelli animali devono essere trattate con sostanze chimiche e tossiche che spesso vengono sversate nei corsi d’acqua. Dato che i modelli Volt e Bolt si indirizzano ad acquirenti eco-consapevoli, un’opzione di interni di pelle non animale andrebbe a migliorare la vostra proposta. Attendo fiducioso una vostra risposta.

La General Motor risponderà all’appello di Morrissey? Noi, insieme al Moz, attendiamo con ansia.

Immagine di copertina: Morrissey sul palco durante il Firefly Music Festival a giugno 2015 a Dover. Foto by Ilya S. Savenok/Getty Images for Firefly.

Articoli correlati