Olimpiadi 2024 in bicicletta: Roma abbraccia il Grab

Se Roma ospiterà le Olimpiadi 2024 darà attenzione anche ad ambiente e mobilità ciclabile, in particolare puntando sul Grab e su una pista ciclabile vicino al villaggio olimpico.

Olimpiadi 2024 a Roma, il Grab ha appassionato il comitato olimpico tanto da decidere di farlo rientrare tra i progetti di cui tener conto. Il Grande raccordo anulare delle biciclette ha già ottenuto l’attenzione di Roma Capitale e del Governo italiano, tanto da essere riconosciuto come priorità da finanziare con la legge di Stabilità 2016 che ha triplicato i fondi per la mobilità ciclabile.

 

appia antica bici
L’Appia antica sarà più facilmente raggiungibile grazie al Grab, che il comitato olimpico vorrebbe realizzare. Foto © Shaun Merritt via Flickr su licenza CC BY 2.0

Olimpiadi 2024 Roma: cosa si potrebbe raggiungere con il Grab

L’anello ciclabile romano dovrebbe riuscire così a permettere i ciclisti di raggiungere alcuni dei luoghi designati per ospitare le gare delle Olimpiadi 2024:

  • Arco di Costantino per la maratona;
  • Circo Massimo per beach volley;
  • Flaminio per hockey su prato e rugby a 7;
  • Foro Italico  per nuoto, pallanuoto, tuffi;
  • Fori Imperiali per tiro con l’arco e ciclismo;
  • Piazza di Siena per l’equitazione;
  • stadio Olimpico per atletica e calcio;
  • Tor di Quinto per tiro a segno e tiro a volo;
  • Villa Ada per la mountain bike.

 

 

L’occasione potrebbe essere ghiotta sia per rilanciare la mobilità in bicicletta nella capitale d’Italia sia per promuovere il turismo in bicicletta. Come sta facendo un’agenzia con la proposta di alcuni pacchetti turistici di visite guidate in bici su aree interessate dal passaggio del Grab.

 

Il Grab doveva rientrare tra le opere di cui occuparsi per il Giubileo straordinario, almeno secondo l’interesse mostrato da Roma Capitale. Successivamente c’è stata l’azione del Ministero delle infrastrutture per facilitare il finanziamento e l’inizio conseguente dei lavori che necessitano di pochi milioni di euro per rendere fruibile e godibile il Grab. La speranza è che l’essere collegato alle Olimpiadi del 2024 non rischi di far slittare ancora la realizzazione di questo anello ciclabile.

 

Il presidente del Coni Giovanni Malagò e il presidente del comitato olimpico Luca Cordero di Montezemolo hanno fatto riferimento sia all’ambiente che alla mobilità ciclabile come interventi da realizzare. Oltre al Grab si è parlato di un lungo percorso ciclabile che passi per un’area che verrà destinata a parco nei pressi del futuro villaggio olimpico, che sorgerà nella periferia est di Tor Vergata (dove si trova la seconda università capitolina) qualora venisse scelta Roma, area dove dovrebbe sorgere anche il velodromo.

Articoli correlati