Nasce Peugeot eF01, la e-bike pieghevole per percorrere l’ultimo miglio

Si piega in meno di dieci secondi, raggiunge i 20 km/h e può contare su di un’autonomia di 30 km. La nuova e-bike pieghevole di Peugeot agevola il trasporto intermodale. Può essere trasportata e ricaricata nel bagagliaio di qualsiasi auto di medie dimensioni.

L’intermodalità, vale a dire la possibilità di combinare agevolmente differenti mezzi di trasporto, è una delle frontiere della mobilità sostenibile. Consentire alle persone di passare agevolmente dalle vetture private ai mezzi pubblici, oppure alle biciclette, è una strategia ampiamente perseguita in Europa per ridurre la congestione dei centri cittadini, contenere il traffico e, conseguentemente, abbattere l’inquinamento. Un obiettivo cui ora contribuisce anche Peugeot che, oltre a essere un produttore d’auto, da oltre un secolo costruisce biciclette pieghevoli.

 

Peugeot eF01-001
La e-bike pieghevole Peugeot eF01 in configurazione da pedalata

La e-bike Peugeot si ripiega in tre movimenti

Si chiama eF01 ed è la nuova e-bike pieghevole di Peugeot. Ha quali fiori all’occhiello la possibilità di “sezionare” la bicicletta e l’assistenza elettrica alla pedalata; caratteristiche tecniche già presenti sul mercato, ma di rado congiuntamente. Presentata in occasione del recente Salone dell’auto di Parigi, la due ruote francese nasce con l’obiettivo di rendere agevole e sostenibile il cosiddetto “ultimo miglio”, vale a dire l’accesso al centro città, dimenticando i problemi di parcheggio tipici del ricorso all’auto. Una finalità perseguita grazie a un meccanismo che permette di aprire e ripiegare la struttura in meno di dieci secondi e con tre soli movimenti, passando rapidamente dalla guida alla pedalata, dalla camminata al viaggio a bordo dei mezzi pubblici.

 

Peugeot eF01-005
La e-bike Peugeot una volta ripiegata

Ricarica completa in poco più di due ore

Presentata insieme alla crossover Peugeot 5008, in grado di trasportarla agevolmente nel bagagliaio, eF01 beneficia, secondo Neil Simpson, designer della casa transalpina, “di un’ergonomia ottimizzata: una volta ripiegata, le due ruote sono perfettamente allineate e la bici può essere trasportata senza fatica utilizzando la maniglia al telaio. Un sistema brevettato permette inoltre di memorizzare la posizione della sella e ripristinarla in un attimo”. Soluzioni pratiche che si accompagnano alla possibilità di ricarica mediante una comune presa elettrica oppure direttamente in auto, complice la specifica docking station che, collegata a una presa a 12 Volt, consente di rigenerare le batterie in poco più di due ore.

La e-bike Peugeot pesa 17 kg

Peugeot realizza biciclette pieghevoli dal 1892, anno nel quale destinò all’armata del capitano Henri Gerard la prima bici a telaio scomponibile. Negli Anni ’70 diede vita a modelli particolarmente ricercati sotto il profilo stilistico, mentre dal 2009 ad oggi sono più di una decina le versioni presentate sul mercato. Con la nuova eF01, dotata di un motore elettrico alimentato da un pacco batterie agli ioni di litio da 200 Wh, è possibile raggiungere una velocità massima di 20 km/h e beneficiare di un’autonomia di 30 km. Il peso si attesta a 17 kg, mentre la sicurezza è garantita dai freni a disco in corrispondenza d’entrambe le ruote da 16 pollici. Come gran parte delle e-bike moderne, è possibile instaurare mediante Bluetooth un dialogo privilegiato tra smartphone e bici, verificando grazie a un’apposita app l’autonomia residua e il livello di carica delle celle.

 

Peugeot non è nuova alla realizzazione di mezzi di trasporto elettrici intermodali, dato che in occasione del debutto della crossover 3008, “sorella minore” di 5008, aveva presentato il monopattino pieghevole a batteria e-Kick. La e-bike eF01 sarà in vendita nei primi mesi del 2017.

Articoli correlati