Quante sedute e a che prezzo, i numeri dell’agopuntura

Bastano anche poche sedute per avere dei risultati positivi e senza controindicazioni. Il costo poi, dipende dalle capacità dell’agopuntura.

Qual’è il giusto numero di sedute di agopuntura?

Dipende. In Cina si tende a prescrivere cicli di dieci sedute, eventualmente
ripetibili una o due volte, se la terapia è inefficace.
Anche alcuni medici italiani tendono ad impostare cicli di dieci
sedute.

In genere, un buon agopuntore è in grado di capire dopo due
o tre sedute se il paziente risponderà alla terapia e spesso
questo numero di sedute è sufficiente per iniziare a vedere
dei risultati.
Un numero troppo elevato di sedute, per di più senza
scorgere miglioramenti, deve farvi sospettare che quell’agopuntura
sia utile ad altri, ma non a voi. Dopo il periodo iniziale di
attacco, con sedute bisettimanali o settimanali, generalmente si
tende a distanziare le sedute, che si fanno mensili ed infine
trimestrali, salvo ricadute della patologia.
Nell’antica Cina il medico veniva pagato finché il paziente
rimaneva in uno stato di buona salute, in caso contrario lo
trattava gratuitamente, o provvedeva a pagare un medico più
bravo di lui.

L’aspetto preventivo è molto importante nella medicina
cinese, e le sedute trimestrali ai cambiamenti di stagione,
effettuate in base alle indicazioni anche dei soli polsi, in
assenza di sintomi, in genere valgono a mantenere il paziente nelle
migliori condizioni psico-fisiche. Questi fini aggiustamenti degli
equilibri del paziente faranno sì che, di norma,
l’agopuntore cambi i punti prescelti, che muteranno, in misura
maggiore o minore, da seduta a seduta.

Il prezzo è variabile, e non solo in base alla
capacità dell’agopuntore. In genere la prima seduta è
più costosa. Diciamo che mediamente, in funzione della zona
geografica, del fatto che ci si trovi in città o in
provincia, la prima seduta oscilla tra i 50 e i 100 Euro, le
successive tra le 35 e i 60 Euro.

Articoli correlati