Conferenze sul clima

Questo è il secolo delle città. Così i sindaci possono cambiare il clima

Nel secolo delle città, i sindaci stanno dimostrando di impegnarsi sul serio per combattere i cambiamenti climatici e per migliorare la qualità della vita dei cittadini.

Alla fine di questa settimana si riuscirà a raggiungere un accordo per evitare che il mondo cada irreparabilmente nella spirale dei cambiamenti climatici? Magari sì, ma al di là delle notizie sulla Cop 21, sta accadendo qualcosa di davvero importante. Una delle conquiste più grandi per l’ambiente la si sta ottenendo nelle strade delle città di tutto il mondo. Alla Cop 21, e non solo, le città stanno agendo per cambiare il clima futuro della Terra.


Il secolo delle città

Stiamo entrando nell’epoca che Michael Bloomberg, l’ex sindaco di New York, ha definito come “il secolo delle città“, in cui tre persone su quattro in tutto il mondo vivranno in un contesto urbano. I sindaci hanno il potere di cambiare radicalmente il modo in cui milioni di persone interagiranno con l’ambiente, una questione scottante se si considera che molti degli spazi urbani più vasti sulla Terra sono sulla costa e che l’impatto dell’innalzamento del mare è immediato e molto pericoloso per esse.

 

Che consistano in mettere a punto servizi di bike sharing, piantare alberi per purificare l’aria, creare parchi e altre aree verdi che aiutino nelle gestione delle precipitazioni, ideare progetti per diminuire il livello del mare o per garantire accesso alla natura (sia in spazi chiusi che aperti) per migliorare la qualità della vita, i piccoli cambiamenti nelle aree urbane sono importanti. Le città fanno a gara per attirare residenti trasformandosi in luoghi più verdi e più sostenibili, dove le generazioni future vorranno abitare. Come afferma Michael Bloomberg, “i sindaci non considereranno più l’economia e l’ambiente come priorità in conflitto tra loro”.

 

sting andy summers velib biciclette noleggio
I musicisti Sting e Andy Summers dei Police usano biciclette a noleggio del servizio di bike sharing parigino Velib © Julien Hekimian/Getty Images

Il Patto dei sindaci

Le conferenze sul clima precedenti hanno portato alla formazione del Patto dei sindaci, Compact of Mayors in inglese, una coalizione di leader di oltre 100 città che si sono impegnati a ridurre le emissioni di gas serra, portare avanti la resilienza e valutare i progressi ottenuti, condividendo le informazioni. Queste città insieme si stanno impegnando a dimezzare le riduzioni di CO2 previste per il 2020 in tutto il mondo e di recente Rio de Janiero è stata la prima ad aver raggiunto gli obiettivi del Patto dei sindaci.

 

Grazie a un maggiore utilizzo della bicicletta al posto dell’auto per muoversi in città, migliaia di tonnellate di gas serra sono state risparmiate ogni anno. Nel 2007 Parigi ha ideato il servizio di bike sharing Vélib mentre nel 2010 è stato il turno di Londra e di Washington. Boston nel 2011 ha lanciato Hubway e da allora si stima che i tragitti in bicicletta siano stati due milioni, con una compensazione di ben 80 tonnellate di CO2. Oggi ci sono più di 700 servizi di bike sharing in tutto il mondo che hanno aiutato a conseguire simili risultati.

 

“Le città sono responsabili del clima e sono nella posizione migliore per compiere il cambiamento. Ciò che si fa a livello locale ha un impatto globale e grazie a un cambiamento in positivo della nostra città, saremo in grado di creare un mondo migliore per i cittadini di oggi e per le generazioni a venire”, per dirlo con le parole del sindaco di Rio de Janeiro Eduardo Paes. Anche se non tutti possiamo essere presenti alla Cop 21 di Parigi, possiamo comunque andare nel nostro comune e riferire al sindaco della nostra città ciò che vorremmo e che ci vengano mostrati i progetti dell’amministrazione comunale per affrontare i cambiamenti climatici prima di decidere se votarla o meno.

Tradotto da

Articoli correlati