Cooperazione internazionale

Ted Cruz. Votatemi se vi piacciono le mitragliatrici e la pancetta

Se avete paura di Donald Trump, sarete terrorizzati da Ted Cruz, il candidato più estremista delle primarie americane. Scopriamo fino a dove si spingono le sue proposte.

Oltre al “conservatorismo coraggioso”, Ted Cruz ama le mitragliatrici e la pancetta (non è uno scherzo). Nato in Canada nel 1970 da padre cubano e madre americana, Cruz è cresciuto a Houston, in Texas. Ha ricoperto il ruolo di consigliere di  George W. Bush nella campagna presidenziale del 2000 e nel 2012 è stato eletto senatore per lo stato del Texas. È sposato con l’ex consulente finanziaria della Goldman Sachs Heidi Cruz da cui ha avuto due figlie.

“Non è stato registrato alcun aumento delle temperature”

Cruz afferma che negli ultimi quindici anni (a volte dice diciassette) non è stato registrato alcun aumento delle temperature sul pianeta. Per lui i cambiamenti climatici sono un complotto escogitato dai liberali per accrescere il potere del governo. E da buon conservatore, Cruz non manca di sottolineare che i democratici non hanno fatto altro che espandere le strutture statali.

 

Ritiene che la politica debba essere guidata dalla scienza, quindi, se non ci sono prove a sostegno del riscaldamento globale, la sua proposta di dar vita a “un rinascimento energetico americano” promuovendo l’uso di risorse estratte in territorio statunitense come il petrolio, il gas naturale e l’etanolo, diventa più che logica. Ha anche intenzione di abolire alcune regolamentazioni come quelle che tutelano i ruscelli e le zone umide del paese, impediscono le esplorazioni e bloccano l’attività dell’oleodotto Keystone XL.

 

ted cruz famiglia
Ted Cruz con sua moglie Heidi e le figlie Caroline e Catherine © Alex Wong/Getty Images

Il blocco delle attività amministrative

Cruz ha un linguaggio aggressivo e convinzioni radicate, infatti si vanta di non essere disposto a negoziare le sue proposte se dovesse diventare presidente. È assolutamente contrario alla riforma sanitaria del presidente Barack Obama e nel 2013 è stato a capo di un blocco delle attività amministrative per protestare contro di essa. Se diventerà presidente abrogherà l’Obamacare e annullerà i finanziamenti federali assegnati a Planned Parenthood, una ong che offre servizi di salute riproduttiva che secondo lui “trae guadagno dalla vita di persone innocenti”, un chiaro riferimento all’aborto. Ha anche preannunciato un altro blocco delle attività amministrative per il sostegno che il governo ha dato all’organizzazione (sembra che sia una delle strategie che preferisce).

 

^28A50B72EB95A6C3DD7E5095634DA98F9A7F08B91E2CDCA880^pimgpsh_fullsize_distr

Tenere Assad al potere

Restando fedele alle sue idee conservatrici, Cruz è contro i matrimoni gay e il controllo delle armi. Ha anche ricevuto un premio dalla National rifle association (Nra), la lobby delle armi, per aver difeso il secondo emendamento, il diritto di “possedere e utilizzare le armi”. Secondo il senatore texano i cittadini devono potersi difendere “ora più che mai, visto che i terroristi islamici cercano di attaccare il suolo americano”.

 

Per quanto riguarda il cosiddetto fondamentalismo islamico l’approccio di Cruz nei confronti del Medio Oriente e del terrorismo è sfacciato proprio come lui. Vuole stracciare l’accordo di Obama con l’Iran sul disarmo nucleare che secondo lui rappresenta “la minaccia più pericolosa alla sicurezza nazionale”, mantenere Bashar al Assad al potere in Siria e continuare ad appoggiare Israele senza dare “un solo centesimo delle tasse americane alle autorità palestinesi” con la promessa di “non finanziare le Nazioni Unite se continuano con i loro pregiudizi anti israeliani”.

 

Ted Cruz nell'annuario del liceo © NPR
Ted Cruz al liceo © NPR

Sì ai profughi cristiani, no a quelli musulmani

Sconfiggere lo Stato Islamico significa riorganizzare le forze armate e proteggere i confini federali. Ha definito il progetto di Obama di accogliere i rifugiati siriani una “follia”. I musulmani siriani devono rimanere nei “paesi a maggiaranza musulmana”, mentre i cristiani devono trovare asilo negli Stati Uniti. Dopo gli attacchi terroristici di Parigi, Cruz ha condotto una campagna per introdurre una legge che impedisca ai rifugiati provenienti da “territori controllati da organizzazioni terroristiche”, come la Siria e l’Iraq, di entrare negli Stati Uniti. Ha anche intenzione di “costruire un muro” per tenere i migranti fuori dal confine con il Messico (ha scherzato dicendo che l’avrebbe fatto pagare a Donald Trump). Tuttavia l’unico muro esistente è quello che si erge tra la realtà e il senatore Cruz che, imbracciando una mitragliatrice e con il grasso della pancetta sul mento, non smette di sbatterci contro la testa.

Tradotto da

Articoli correlati