Una vita da scienziata, la mostra che racconta l’eccellenza delle donne italiane

La mostra fotografica di ritratti ideata da Fondazione Bracco mette in risalto l’insostituibile apporto di professionalità e competenza che in Italia le donne scienziate danno alla comunità. Mai abbastanza sottolineato.

Una vita da scienziata non è solo una mostra fotografica di ritratti, ma un prendere coscienza dell’eccellenza che il nostro paese può vantare: parliamo di 100 esperte donne che hanno preso parte al progetto artistico ideato e curato da Fondazione Bracco. Grandi professioniste in ambito Stem (science, technology, engineering and mathematics) – alcune delle quali ritratte dal fotografo Gerard Bruneau  contribuiscono con questa “azione artistica” a diffondere il superamento di pregiudizi nella pratica scientifica, che l’immaginario collettivo delinea ancora come prettamente maschile. In mostra è la competenza della donna, sino al 30 giugno al Cdi, Centro diagnostico italiano di Milano.

La scienza al femminile in Italia

Si parla di scienza, competenza e donne quando si parla di 100 donne contro gli stereotipi: un interessante progetto nato già nel 2016 da un’idea dell’Osservatorio di Pavia e dell’associazione Giulia in collaborazione con Fondazione Bracco. E non è semplice declinare al femminile la scienza, da sempre: per esempio, sapevate che dei 607 Nobel assegnati per materie scientifiche, solo 19 sono andati a donne? E che, si dice, uno dei due vinti da Marie Curie le sia stato “concesso” solo perché il marito lo “divideva” con lei? Sembra assurdo, ma ancora oggi dopo anni è necessario lottare contro la disparità di genere, anche quando il merito è manifesto e incontrovertibile. Qualcosa però si sta muovendo, tanto che l’Accademia svedese delle scienze si è impegnata affinché d’ora in poi sia tenuto in conto il sesso e la geografia dei candidati e delle candidate: è bene valorizzare e premiare l’eccellenza in ogni parte del mondo, tra uomini e donne.

Leggi anche: L’11 febbraio è la Giornata mondiale per le donne e le ragazze nella scienza

Una vita da scienziata, la mostra a Milano

Questa mostra fotografica è un buon modo per attirare l’attenzione, per far emergere una competenza che è già riconosciuta ma la cui diffusione risulta difficoltosa. Nei mezzi d’informazione infatti, specie in Italia, quando si affrontano temi scientifici quasi mai è chiesto il parere di un’esperta donna. I ritratti realizzati dal fotografo Bruneau e la conseguente mostra sono solo parte di un progetto più ampio che vuole essere anche concreto. Tanto che da 100 donne contro gli stereotipi è nata anche una banca dati online in cui sono raccolti i profili eccellenti di esperte in vari settori del sapere, tra cui le biologhe, chimiche, farmacologhe, ingegnere, astrofisiche, matematiche, chirurghe, paleontologhe e informatiche fotografate per la mostra milanese.

Una vita da scienziata mostra ritratti
Luisa Torsi, Chimica, docente all’Università degli Studi di Bari e alla Åbo Akademi University in Finlandia. Mostra “Una vita da scienziata – I volti del progetto #100esperte”, fotografo Gerald Bruneau © Fondazione Bracco

Diffondere la cultura scientifica

Ciò che è chiaro osservando i ritratti delle esperte in materie scientifiche è che lo scopo dell’intera operazione non è certo apparire o mostrarsi, ma forse uscire allo scoperto, facendolo con grande ironia e spirito. Diffondere la cultura scientifica è necessario, specie in un’epoca come la nostra dove è disponibile e accessibile a tutti una grande quantità d’informazioni, senza però conoscerne ed essere certi della veridicità. Essere informati sulla scienza è possibile, anche per i non addetti ai lavori.

Leggi anche: Samantha Cristoforetti. Viaggiare nello spazio fa sentire ancora più in sintonia con la Terra

Le donne forse in questo hanno una marcia in più: sono in grado di comunicare con maggior facilità e sanno coinvolgere con entusiasmo chi le ascolta. Come avrebbero reagito per esempio degli scienziati uomini nell’essere fotografati da un grande professionista? Sarebbero stati così autoironici? Il risultato esposto in mostra riesce a diffondere con maestria, non solo fotografica, la scienza al femminile ed è quindi un successo. La dottoressa Patrizia Caraveo, astrofisica e modella per un giorno ha dichiarato in merito all’esperienza: “queste immagini sono importantissime perché immortalano la gioia che proviamo ogni giorno facendo il nostro lavoro. Siamo felici di farlo e ci sentiamo fortunate”.

Articoli correlati