Cammini e itinerari

Vagare per Genova, un itinerario

Genova non è solo il porto, l’acquario e il mare. Nasconde tra i suoi caruggi perle architettoniche, rovine da scoprire e angoli meravigliosi. Un itinerario.

Genova è una città di mare, ha un porto importante e imponente e molto in questa città gira attorno al mare. L’altra Genova è una città a più livelli, che può essere vista da diverse angolazioni, capace di soddisfare i più svariati interessi. Un itinerario diverso mostra alcune delle facce della città.

Genova, un itinerario

Se in città si arriva in treno, mezzo consigliatissimo, sia perché green che perché Genova nel suo centro storico è difficile – se non impossibile – da vivere in auto, il percorso classico per raggiungere il cuore del capoluogo ligure prevede che si passi in via Garibaldi. Qui ci sono molti palazzi storici, chiamati Rolli: i rolli erano le liste dei palazzi e delle dimore eccellenti delle nobili famiglie genovesi che ambivano a ospitare le alte personalità in transito per visite di stato. I palazzi sono sontuosi, eleganti e meravigliosi, da qualsiasi angolazione li si guardi. Solo passeggiare lungo la strada che li vede susseguirsi è un piacere, visitarli è assolutamente da consigliare, specialmente durante i Rolli Days: week end durante i quali moltissimi palazzi saranno aperti e visitabili. Il prossimo 2 e 3 aprile il primo appuntamento dell’anno e molte delle iniziative saranno dedicate al 10° anniversario dei Rolli come Patrimonio Unesco dell’Umanità.

 

Genova
Genova, uno scorcio foto Simona Denise Deiana

 

Se la via dei Rolli è ampia, pulita ed elegante, il reticolo di viette (caruggi) nel quale si arriva dopo sembra appartenere a un’altra città. Anche se batte il sole, l’atmosfera è molto differente, un po’ misteriosa e si percepisce tutta la storia della città. Spesso ci si trova senza accorgersene in piazzette che ospitano sorprese meravigliose: ciò che rimane di Santa Maria in Passione, una struttura monca che porta le ferite della guerra o i Giardini Luzzati che non sono belli in sé ma permettono una sosta volgendo lo sguardo dall’alto alla chiesa di San Donato che è bella dentro e fuori.

 

santa maria in passione
ciò che resta della chiesa di Santa Maria in Passione a Genova foto Simona Denise Deiana

 

Non lontano da qui ci sono due musei che gli appassionati di architettura ben conoscono perché l’allestimento fu progettato da Franco Albini: il Museo del Tesoro di San Lorenzo e il Museo di Sant’Agostino. Il consiglio è quello di osservare con attenzione non solo le opere conservate in questi musei, ma le strutture che le ospitano che sembrano essere state progettate e poi costruite attorno a esse, armoniosamente e linearmente. Altra chicca dello stesso architetto è la scala all’interno di Palazzo Rosso. Ciò che colpisce è anche il contrasto tra le stradine strette, i palazzi spesso decadenti, i rumori e invece la “pulizia” di questi luoghi che conservano la storia. Interni ed esterni tanto diversi.

 

Museo di Sant'Agostino
Museo di Sant’Agostino allestimento curato dall’architetto Albini foto Simona Denise Deiana

 

Un’altra Genova, è quella vista dall’alto perché la città ha tanti livelli: così si possono ammirare i tetti, i campanili delle chiese e vedere il porto e il mare. Non più chiusi tra i vicoli e attenti ai particolari, lo sguardo diventa più ampio, si volge altrove. Dirigendosi dal centro verso Villa Croce, l’idea è quindi quella di prediligere la “città alta” per vivere anche questa porzione di città. In questa villa ha sede il Museo d’Arte Contemporanea immerso in un bel parco vicino a una zona residenziale ordinata e dall’aria borghese. Tornando verso la vecchia Genova e i vicoli stretti ci si ferma di certo davanti ad alcune datate botteghe, che qui esistono ancora, o a mangiare una delle specialità genovesi: focacce, torte salate, farinate.

 

Scalinata a Genova
Scalinata a Genova, dalla città alta verso in centro foto Simona Denise Deiana

 

Per chi ama l’arte, al momento è ancora in corso a Palazzo Ducale la mostra Genesi di Salgado, grande fotografo contemporaneo e Dagli Impressionisti a Picasso per una panoramica completa dell’arte pittorica di quel periodo. Una buona occasione per ammirare il Palazzo.

Queste sono solo alcune delle tappe possibili in una città che sorprende a ogni angolo, regalando scorci sempre diversi e atmosfere tra le più contrastanti: dall’eleganza dei Rolli, ai vicoli multietnici e rumorosi. Bella Genova.

 

 

 

Articoli correlati