Vellutata di zucca Okkaido e ricotta con shiitake e rosmarino

Una crema di zucca leggera ma saporita. Gusto deciso, pochi grassi e poco tempo per prepararla, perché la buccia non si toglie! E non c’è condimento.

indice_sostenibilita_04

Una zucca tenera di cui si comsuma anche la buccia. La ricotta può essere anche vaccina  e se la frullate al termine della cottura si scioglierà completamente.

Ingredienti per 2 persone

1 zucca Okkaido (circa 600 g)
200 g di ricotta di capra
500 ml circa di brodo vegetale
4-6 shiitake (se secchi metteteli subito in ammollo in acqua fredda)

ricotta al forno (o Parmigiano)
1 scalogno
1 pezzetto di porro
rosmarino fresco
olio extravergine di oliva (a piacere)
sale e pepe

zucca
Gli ingredienti per la vellutata di zucca © Beatrice Spagoni

Preparazione

Lavare la zucca, tagliarla a metà, togliere i semi con un cucchiaio, poi tagliarla a pezzetti, senza togliere la buccia.

zucca
Tagliare la zucca a pezzettoni senza togliere la buccia © Beatrice Spagoni

 

Portare a ebollizione il brodo quindi, mettervi la zucca e cuocere per circa 20 minuti, finché la zucca sarà morbida. Nel frattempo, pulire i funghi, togliendo la terra dal gambo e dalla superficie con un panno morbido. Tagliare a metà i più grossi e lasciare interi i piccoli, poi farli rosolare in una padella con un cucchiaio di olio e lo scalogno pelato e continuare la cottura finché saranno morbidi.

zucca
Se avete scelto gli shii-take secchi metterli in ammollo in acqua fredda più tempo possibile, poi scolarli e strizzarli © Beatrice Spagoni

A cottura ultimata, frullare tutta la zucca con il mixer a immersione fino a ottenere una crema omogenea, correggere di sale e pepe, profumare con del rosmarino tritato e lasciare riposare qualche minuto. Aggiungere la ricotta nella crema di zucca e amalgamarla bene. Servire la vellutata in ciascuna ciotola con i funghi, qualche scaglia di ricotta al forno, una julienne di porro e del rosmarino. A piacere, un filo di olio.

zucca
Servire subito la vellutata, cosparsa a piacere con un filo di olio. © Beatrice Spagoni

Articoli correlati