Verde come Vela, barca da imitare per la riduzione dell’impatto

Dalla partenza di Saint-Tropez, il Cass 40 ha affrontato la regata con pannelli fotovoltaici e idrogeneratore. Per arrivare al porto di Monte Carlo, sono stati utilizzati solo 320 ml di gasolio invece dei nove litri che sarebbero serviti senza l’ausilio delle fonti rinnovabili.

Poco sole e non tanto vento alla Giraglia Rolex Cup 2014, ma sempre una meravigliosa festa della vela. La grande classica dell’altura mediterranea di quest’anno ha avuto un elemento in più per confermarsi come un appuntamento da non perdere: tra i 230 regatanti c’era anche il Class 40 Mowgli di Marco Nannini, portacolori del progetto Verde come Vela, l’iniziativa della rete d’impresa Boat Ecology che naviga per mostrare e dimostrare come ridurre l’impatto quando si va per mare, anche spinti solo dal vento.

 

Durante la regata lunga che dà il nome all’evento, arrivato quest’anno alla sua 62 edizione, sono stati analizzati i dati di energia richiesti per terminare le 248 miglia del percorso Saint-Tropez , disimpegno a La Formigue -a ovest della partenza- Scoglio della Giraglia (Corsica), Monte Carlo (Mc), percorse in 40 ore.

 

I sistemi di bordo (Ais, il sistema automatico di identificazione che invia e riceve dati via radio; la radio di bordo Vhf; il Pc per monitorare rotta e navigazione; la stazione del vento; le luci di navigazione a led; e il ballast, il sistema di riempimento acqua delle zavorre laterali per stabilizzare la barca a seconda delle andature) hanno richiesto un totale di 191 Ah. A questa richiesta vanno aggiunti 32 Ah richiesti da quattro ore di utilizzo del pilota automatico.
Il fabbisogno totale è stato quindi di 223 Ah.

 

Se tutta questa richiesta fosse stata soddisfatta solo producendo corrente tramite il generatore a gasolio il volume di carburante usato durante una regata (in cui si è obbligati a navigare solo grazie al vento) sarebbe stato di quasi nove litri, 8,92 per la precisione.
In realtà, grazie alla produzione del 96 per cento di energia da fonti rinnovabili, il reale fabbisogno derivante dal consumo di combustibile fossile è solo otto Ah, che tradotto in carburante bruciato dal generatore equivale a 320 millilitri, praticamente una bibita in lattina!

 

Se tutte le 230 barche in regata avessero usato gli stessi accorgimenti tecnici del Class 40, il consumo totale dei regatanti sarebbe stato solo di 73,6 litri di gasolio invece delle 2,05 tonnellate utilizzate, vale a dire: 5,5 tonnellate di CO2 in meno rilasciate nell’atmosfera. Verde come Vela, anche per i regatanti è un esempio da imitare!

Articoli correlati
Navigare sostenibile con Verde come Vela

Nonostante la barca a vela sia per definizione un mezzo ecologico, con i giusti accorgimenti e senza rinunce, è possibile renderla un mezzo ancora più virtuoso abbassandone ulteriormente l’impatto ambientale. C’è chi l’ha già fatto.