Yoga e salute

L’insegnamento dello yoga si fonda su una complessa e precisa comprensione del funzionamento del corpo e della mente dell’uomo sano

Lo yoga lavora sistematicamente sul ciclo della digestione,
della respirazione e della circolazione che nutrono e servono le
cellule dei tessuti e il sistema di comunicazione dei nervi e degli
ormoni, che riequilibrano e regolano le reazioni fisiche,
emozionali e mentali.

Molte delle malattie e dei cali di vitalità di cui soffriamo
derivano da lunghi periodi di disfunzione dell’organismo dovuti
alla sottoutilizzazione o alla mancata stimolazione di funzioni
vitali.

Il principio su cui si basa lo yoga è che il movimento non
ha lo scopo di sviluppare i muscoli esaurendo le nostre energie, ma
di stirarli delicatamente tonificando il corpo.

Lo yoga stimola la circolazione partendo dal livello cellulare in
modo che i tessuti vengano nutriti, gli eccessi eliminati e gli
organi vitali ritrovino la piena efficienza ripristinando salute e
benessere.

I muscoli funzionano sul principio dell’equilibrio di forze
opposte: non appena un muscolo si contrae per produrre il
movimento, l’altro si rilassa e si distende per consentirlo. Se il
muscolo che si distende è rigido o indebolito per
l’inattività, quello che si contrae non può
funzionare bene. Lo stress può portare a tensioni permanenti
che si oppongono al movimento e che lo rendono doppiamente
stancante. Rimuovendo queste tensioni per mezzo delle tecniche di
rilassamento dello yoga, la facilità dei movimenti ci
rinnova e ci libera dai dolori e dai malanni.

Le posizioni yoga infatti consentono di distendere lentamente i
muscoli e legamenti evitando la brusca contrazione tipica di gran
parte degli sport. Un muscolo disteso si contrae meglio, i lenti
movimenti e la respirazione profonda aumentano l’invio di ossigeno
ai muscoli prevenendo la formazione di acido lattico nelle fibre.
Inoltre la distensione e la contrazione muscolare stimolano la
circolazione e aumentano il ricambio venoso.

Notevole è il lavoro svolto anche sui nostri organi…

Notevole è il lavoro svolto anche sui nostri organi: le
posizioni yoga lavorano come una mano che, lentamente e dolcemente,
spreme una spugna eliminando tutte le scorie accumulate nei fluidi
e quindi ne distende i tessuti per consentire la circolazione
dell’energia e delle sostanze nutritive in tutte le cellule.

Non dimentichiamo che la pratica dello yoga consente il controllo
dell’ipertensione dell’ansia, aumenta la resistenza allo stress,
regolarizza il metabolismo e risana il sistema nervoso.

I delicati movimenti possono essere eseguiti da tutti, persino
durante una malattia: le proprietà terapeutiche dello yoga
sono a disposizione di tutti.

A cura di
Sonia Tarantola

Tratto dal libro: “Il
libro dello Yoga
“, Lucinda Lidell, Red edizioni

Articoli correlati