Pubblicato il 07-01-2010

Conseguenze dello scioglimento dei ghiacci

L'innalzamento della temperatura determinerà lo scioglimento dei ghiacci e l'innalzamento delle acque. Gli effetti saranno catastrofici.

Se non saranno presi drastici e immediati provvedimenti coordinati a livello mondiale lo scioglimento dei ghiacciai farà aumentare il livello dei mari di 5 mm ogni anno, con effetti a catena: fiumi in piena, aumento di inondazioni e precipitazioni, riduzione della disponibilità di acqua dolce, centri urbani assediati dall’afa, montagne senza neve, epidemie di colera e malaria.

Questo è un probabile bollettino con le conseguenze dello scioglimento dei ghiacci nelle diverse regioni del pianeta:

  • I Poli. Nelle regioni polari l’impatto sarà più rapido e profondo. Geografia e caratteristiche della Penisola dell’Antartico, dell’Oceano del Sud e dell’Artico cambieranno.
  • L’Europa. Le regioni mediterranee saranno le più vulnerabili. Nell’Europa del Sud l’estate si allungherà e l’acqua dolce disponibile diminuirà. Aumenteranno le differenze climatiche e ambientali fra le regioni del Nord e del Sud, vulnerabili alla siccità. Metà dei ghiacciai alpini scompariranno. Aumenterà il livello dei fiumi in gran parte dell’Europa e il rischio di inondazioni sulle aree costiere, con pesanti conseguenze per il turismo, l’industria e l’agricoltura. In Italia, il mare ingoierà le zone costiere formate da lagune e da foci dei fiumi. La produttività media diminuirà nell’Europa del Sud e dell’Est, mentre il Nord potrà contare su temperature più miti, che favoriranno le colture agricole.
  • I Tropici. Ad essere colpite saranno soprattutto le regioni tropicali e sub-tropicali. Esse accuseranno diminuzione dei raccolti agricoli e della quantità di acqua disponibile, aumento dell’esposizione a malattie come malaria e colera, incremento delle morti causate dal caldo. Gli eventi meteorologici estremi, una volta concentrati nell’area caraibica, si estenderanno in altre regioni del mondo: le alluvioni del Piemonte ne sono una conferma.
  • I timori per la salute. L’aumento delle ondate di caldo, spesso accompagnato da maggiore umidità e inquinamento, si farà sentire di più nei grandi centri urbani. I più esposti a malori per il caldo e malattie generate dalle alte temperature saranno gli anziani e le persone più deboli. Le inondazioni aumenteranno i rischi di annegamenti, diarree e infezioni respiratorie. Nel Terzo Mondo porteranno a carestie e malnutrizione.
  • Gli effetti positivi. Alle medie latitudini una temperatura più mite favorirà l’agricoltura; diminuiranno le morti per freddo e così anche i costi economici per il riscaldamento invernale. L’aumento delle precipitazioni favorirà alcune regioni che soffrono di siccità (come l’Estremo Oriente) e lo sviluppo delle foreste.

Altre notizie

La top 30 delle centrali a carbone più sporche d’Europa. Due sono italiane

Continua il più grande programma di scoperta della biodiversità australiana

Mangiare manzo inquina più che guidare un’auto

Iscriviti subito alla newsletter settimanale!

Commenti