Tra cinema e ambiente: 5 film per il 5 giugno

Vogliamo celebrare la Giornata mondiale ONU dell’ambiente proponendo cinque film che raccontano il travagliato e magnifico rapporto fra uomo e ambiente.

Questi film sono un inno alla natura, la quale molte volte – nello sguardo di questi cineasti – non è una madre amorevole ma una forza violenta che segue solo le sue leggi. Le sue leggi ci ricordano, quando ce ne dimentichiamo, che siamo ospiti, e che siamo solo di passaggio in questo pianeta meraviglioso.

5 film per il 5 giugno, Giornata mondiale dell’ambiente

Nanook from the north, di Robert J. Flaherty (1922)

Probabilmente il primo documentario antropologico. La cinepresa di Flaherty documenta la vita di una famiglia di Inuit, dall’estate all’inverno. Il villaggio di Nanook è vicino alla Baia di Hudson. La vita è dura e selvaggia. Gli Inuit vivono secondo le leggi della natura, cacciando quel che occorre e spostandosi stagionalmente.

Dove sognano le formiche verdi, di Werner Herzog (1984)

Il progresso contro la natura. Il terreno di battaglia è il deserto australiano, conteso tra una compagnia mineraria e gli aborigeni nativi del luogo. In questo film è lampante il dualismo tra la cultura della distruzione, rappresentata dai caterpillar che avanzano inesorabili, e la millenaria cultura degli indigeni, capaci di vivere in armonia con l’ambiente circostante.

Into the wild, di Sean Penn (2007)

Un ritorno ai primordi, una fuga dal benessere materiale della “civiltà” per ritrovare se stesso. Tratto dalla storia vera di Christopher McCandless, Into the wild ci trasporta in terre estreme e incontaminate ridimensionando la nostra civiltà civilizzata e consumista.

Nati per volare, di Marco Visalberghi (2007)

Docufilm che racconta la storia di Angelo D’Arrigo, l’uomo che sognava di librarsi in aria con i suoi più maestosi veleggiatori: i condor delle Ande. Angelo ha adottato due giovani condor nati in cattività, insegnando loro a volare e cercando di carpire il segreto del volo, che consente ai condor di salire nel vento fino a 10.000 metri di altezza.

Leggi anche: Punto di non ritorno, Before the flood. Il film ambientalista di Leonardo DiCaprio in versione integrale

Recipes for disaster, di John Webster (2008)

Il film è una sfida affascinante e apparentemente impossibile: rinunciare al petrolio e tutti i suoi derivati, plastica inclusa, per non incrementare l’emissione di CO2. È l’impresa in cui si butta a capofitto John Webster, regista di questo film, “trascinando” con se la propria famiglia. Il film, ironico e intelligente, alterna momenti di divertimento a scene di sconforto, con la crescente crisi ecologica in primo piano.

Articoli correlati