American curl, il gatto dalle orecchie ricciolute e dalla salute di ferro

L’american curl è un gatto davvero particolare: ha strane orecchie ricciolute e grandi occhi dolci. E una salute di ferro.

L’american curl non è un gatto che passa inosservato. La sua particolarità sono le orecchie ricciolute e i grandi occhi espressivi dallo sguardo dolcissimo. Selezionato per la prima volta nell’assolata California, questo strano gattino  ha una bella storia alle spalle. Un gatto a pelo lungo con delle strane orecchie attirò l’attenzione di due gattofili, Joe e Grace Ruga. Si fermò davanti alla loro porta e chiese un po’ di cibo, guardandoli con i suoi occhi imploranti e dolcissimi. Ben presto il micetto si trasferì a casa loro e venne chiamato Shulamith. Ed è proprio questa gattina – perché poi si verificò che era una femminuccia – che iniziò la razza degli american curl con una serie di accoppiamenti mirati per mettere in rilievo soprattutto le orecchie ricciolute  e dalla strana forma di questi gatti docili e amabili.

american curl
Un american curl adulto: sono gatti docili e curiosi © Cc search

American curl, delle orecchie davvero particolari

Gli american curl devono il loro nome alle insolite orecchie ricciolute: i padiglioni auricolari di questi gatti sono larghi alla base, e dotati di punte arrotondate, di media misura e situati verticalmente. Le estremità delle orecchie presentano cespugli di pelo più o meno folti e sono rivolte verso il centro del cranio. Nei felini giovani le orecchie si arricciano dopo quattro o sei giorni, mentre la forma definitiva si presenta solo dopo diversi mesi. Infatti il grado di incurvatura del padiglione auricolare varia da un animale all’altro e al massimo può raggiungere i 180°. Tuttavia ciò non ha alcuna influenza sulle capacità uditive della razza e le orecchie sono tanto mobili quanto quelle degli altri animali. Questi padiglioni auricolari incurvati sono il frutto di una mutazione casuale e spontanea. La forma insolita viene trasmessa per via ereditaria, come carattere dominante: nei gatti con una predisposizione sia per le orecchie piegate che per quelle diritte si impone sempre il gene responsabile delle orecchie arricciate. Ed è comunque dall’incurvatura delle orecchie che dipende il posizionamento del gatto secondo gli standard di razza.

american curl
Le orecchie dell’american curl devono avere una dimensione specifica per rientrare nello standard di razza © Chris Hondros/Getty Images

Il grado 1 fa di un soggetto un felino per amatori che vogliono semplicemente un soggetto da compagnia. I gatti con incurvature delle orecchie di grado 2 o 3, invece,  sono ammessi come riproduttori da allevamento o da esposizione. L’ideale è, comunque, che le orecchie si arriccino a formare una mezzaluna, la base larga sia diritta per due terzi, mentre l’ultimo terzo vada a formare la punta arricciata. Il grado di incurvatura deve rientrare in un minimo di 90° e in un massimo di 180°. Se entrambi i genitori hanno la predisposizione sia per le orecchie arricciate che per quelle diritte, i gattini possono avere sia orecchie arricciate che orecchie normali. Questi ultimi gatti sono denominati “american curl straight ear”.

cucciolo di american curl
Le orecchie dell’american curl si formano compiutamente qualche mese dopo la nascita © Pixabay

Una razza rara che gode di ottima salute

Gli american curl sono di taglia media, il loro pelo setoso ha poco sottopelo e perciò il mantello sericeo scende appiattito sul corpo. Ci sono esemplari con pelo di lunghezza diversa, tuttavia anche gli animali a pelo lungo perdono poco pelo a causa, appunto, del ridotto sottopelo. Sono accettati tutti i colori, comprese le colorazioni esotiche quali i lynx point e le varianti smoke. Gli american curl sono generalmente gatti che godono di un’ottima salute e di una longevità invidiabile. Il genetista britannico Roy Robinson esaminò attentamente lo stato di salute della razza e non individuò alcun difetto genetico. Per preservare la costituzione resistente di questi strani micetti vengono accettati anche gatti con le orecchie diritte, purché essi soddisfino lo standard di razza minimo dell’american curl. Troppi accoppiamenti tra diretti consanguinei, infatti, minerebbe lo stato di benessere dell’american curl che, proprio in questo modo, ha preservato negli anni le sue innegabili qualità di gatto sano e longevo.

American curl sfondo
L’american curl è un gatto docile e affettuoso © Ingimage

Il comportamento e le cure dell’american curl

Gatto attivo e vivace, molto attaccato alla famiglia che lo ospita e alla persona che elegge come “compagno”, l’american curl ha bisogno di poche cure quotidiane. Ci sono esemplari con mantello di lunghezza diversa, tuttavia anche gli animali a pelo lungo perdono poco pelo a causa del ridotto sottopelo, il che rende l’american curl un gatto ideale per vivere in un appartamento. L’american curl è un felino straordinariamente equilibrato. Cerca la compagnia del suo padrone e predilige persino quella dei bambini. Quindi è il gatto perfetto per la famiglia. La razza è molto attiva, socievole e vivace senza mai essere invadente. È un gatto molto intelligente che ama interagire con chi gli sta vicino e, spesso impara, con un buon addestramento, i giochi di riporto. La sua curiosità e la capacità di osservazione ne fanno un compagno prezioso: un american curl, a volte, riesce persino ad aprire le porte e i cancelli. Un’attenta pulizia delle orecchie e del padiglione auricolare preserverà l’american curl dall’insorgenza di malattie come l’otite e, ovviamente, un’alimentazione adeguata sotto il profilo nutrizionale aiuterà questo insolito e raro micetto ad arrivare in buona salute fino a tarda età.

Articoli correlati