Anche i grassi sono “buoni”

Semi oleosi, pesce azzurro, olio extravergine di oliva e alcuni alimenti come l’avocado sono grassi buoni, fonti indispensabili per pelle e corpo

Nel nostro organismo la funzione dei grassi è
indispensabile. Forniscono le calorie necessarie per vivere,
costituiscono le parti del corpo e impediscono la dispersione del
calore.
Alcune precisazioni, però, sono d’obbligo quando si parla di
grassi. La distinzione fra i grassi di origine animale costituiti
prevalentemente da grassi saturi, da quelli di origine vegetale
costituiti da grassi monoinsaturi e polinsaturi. La dicitura
“saturo”, “monoinsaturo”, e “polinsaturo” si riferisce al tipo di
legame, più o meno forte, che si instaura tra gli atomi di
carbonio e gli atomi di idrogeno contenuti nell’alimento.
Nella moderna dietologia si consiglia di limitare il consumo dei
grassi animali, quelli “cattivi”: burro, strutto, molti formaggi,
alcune carni, salumi e insaccati, proprio perché sono
difficili da digerire, favoriscono le malattie cardiovascolari come
l’ipertensione arteriosa, la colesterolemia, l’arteriosclerosi,
mentre alcuni grassi vegetali, quelli “buoni”, sono addirittura
terapeutici. Ma attenzione a non farvi trarre in inganno dalla
dicitura “grassi vegetali”, contenuti i moltissimi prodotti
alimentari, alcuni sono pericolosi tanto quanto quelli saturi
animali.

I grassi buoni, prevalentemente “insaturi”, sono ricchi di vitamina
E (semi oleosi, olio di sesamo e girasole spremuti a freddo e olio
extravergine d’oliva) e di acidi grassi omega 3 (sgombri, sardine,
aringhe, trota, salmone, tonno, pesce azzurro), combattono la
formazione delle rughe e mantengono giovane la pelle garantendo
morbidezza e elasticità. Consumarli a crudo è il modo
migliore per preservare intatte le loro proprietà.

Via libera anche alle noci, nocciole, mandorle, pistacchi, pinoli,
sesamo, arachidi..ma senza esagerare: uno-due cucchiai da minestra
al giorno è la dose ideale da aggiungere alle insalate, ai
ripieni, salse, contorni..o anche così, da gustare alla
mattina con frutta e cereali per una colazione nutriente ma non
ipercalorica, ricca di sostanze attive antiossidanti.


Sonia Tarantola

Articoli correlati