ARANCIO

Citrus aurantium o arancio, pelle fresca e aria pura. Lo si può percepire anche semplicemente schiacciando o sfregando tra le dita una buccia fresca

La pianta dell’arancio è originaria della Cina ma cresce
rigogliosa in tutte le zone calde del Mediterraneo.
L’OE (olio essenziale, n.d.r.) della buccia d’arancio, dal tipico
profumo dolce e fresco, viene estratto per pressione a freddo dalla
buccia intera. Lo si può percepire anche semplicemente
schiacciando o sfregando tra le dita una buccia fresca (e non
trattata con cere o altro!) oppure avvicinandola ad una fiamma o
altra fonte di calore.

Le sue funzioni principali:

  • aromatizzante; regolatore dell’appetito (aggiungere due gocce
    al vostro aperitivo preferito, per esempio ad una spremuta di
    arancio con un cucchiaino di gin o brandy nel quale avete
    emulsionato l’O.E.)
  • particolarmente adatto ad essere diffuso negli ambienti
    frequentati da molte persone e nella stanza dei bambini
  • depurativo, tonificante per la pelle; adatto a creme da notte,
    bagni, risciacqui gengivali, massaggi (mescolare due o tre gocce di
    O.E. nei cosmetici
  • febbrifugo (usare per spugnature)
  • Nota di testa leggera e fugace
  • Costo medio
  • Si combina bene con altri oli essenziali agrumati, in fresche
    colonie.

Controindicazioni: non usare prima di esporsi a sole e lampada UV;
potrebbe dar luogo a macchie sulla pelle

Gudrun Dalla Via

Articoli correlati