Aviaria, in Francia sale a 350mila il totale di anatre abbattute

L’epidemia di influenza aviaria è stata definita “fuori controllo” dal governo della Francia, in particolare nelle regioni sud-occidentali.

Il governo francese ha deciso di imporre un’accelerazione ulteriore al processo di abbattimento di anatre, già avviato nelle regioni sud-occidentali della nazione europea. Ciò ha causa di un’epidemia definita “galoppante” dai media transalpini di influenza aviaria. Il numero di focolai di contaminazione identificati è infatti raddoppiato in una sola settimana: nei primi giorni di gennaio si è arrivati a contarne 124. Di cui 119 nella sola provincia delle Lande.

Gli allevatori chiedono di istituire un “vuoto sanitario”

Lo stesso esecutivo di Parigi parla di situazione “fuori controllo” e per questo, nella giornata di giovedì 7 gennaio, ha concesso il proprio via libera ad incrementare il ritmo degli abbattimenti di anatre. Sono già 350mila le anatre che sono state uccise a partire dal 24 dicembre.

Influenza aviaria
Migliaia di anatre sono state abbattute in Francia (e anche in India) a causa dell’influenza aviaria. © David Silverman/Getty Images

Gli allevatori avevano lanciato un allarme, sottolineando “l’estrema contagiosità del virus”. Hervé Dupuoy, dirigente della Federazione nazionale dei sindacati agricoli (Fnsea) ha per questo chiesto si predisponga quello che viene definito “un vuoto sanitario, ovvero un periodo senza animali negli allevamenti. Non riusciamo più a gestire il virus, non abbiamo altra soluzione. Tra due mesi, potremo riprendere degli animali e ricominciare a produrre”.

Il ministro dell’Agricoltura: accelerare gli abbattimenti contro l’aviaria

Assieme alle Lande, sono coinvolti anche i dipartimenti degli Alti Pirenei, dei Pirenei Atlantici e del Gers. Non si tratta della prima volta che la Francia deve fronteggiare un’epidemia di aviaria. Già negli inverni 2015-2016 e 2016-2017 si erano prodotte situazioni simili. All’epoca, furono abbattuti milioni di esemplari di anatre.

Il ministro dell’Agricoltura Julien Denormandie ha fatto sapere che è stato predisposto un meccanismo di aiuto a vantaggio degli allevatori colpiti e che i primi versamenti per aiutarli. E ha confermato la volontà di accelerare l’abbattimento di animali.

Articoli correlati