Scoperto nelle fave di cacao un potente alleato della memoria

Uno studio americano condotto su 211 soggetti tra i 50 e i 75 anni dimostra quanto i flavanoli del cacao proteggano la memoria in questa fascia d’età.

Uno studio americano condotto su 211 soggetti sani tra i 50 e i 75 anni, ha dimostrato che chi assume flavanoli del cacao ricorda meglio. Questa è la conclusione a cui sono giunti i ricercatori della Columbia University e della New York University.

cacao
Il cacao è ricco di flavanoli, preziosi antiossidanti e alleati della salute cerebrale © Pixabay

Dalle fave di cacao l’alleato della memoria

La ricerca americana, pubblicata sul Scientific Reports, si è svolta in tre test (memoria, riconoscimento oggetti e ordinamento di elenchi) condotti nell’arco di dieci giorni con lo scopo di verificare il livello di cognizione e di memoria dei soggetti. Questi sono stati divisi in quattro gruppi: placebo; a basso apporto di flavonoli provenienti dal cacao (260 mg); ad apporto medio (510 mg) e ad apporto elevato (770 mg).

Il flavanolo tiene in forma il cervello delle persone tra i 50 e i 75 anni

Le conclusioni sono state evidenti: chi ha assunto flavanoli del cacao ha avuto risultati migliori nel test di memoria rispetto ai soggetti del gruppo placebo. Nessuna differenza, invece, per gli altri due test cognitivi: riconoscimento degli oggetti e ordinamento di elenchi.
Questi risultati, secondo i ricercatori, suggeriscono che “la dieta in generale, e i flavanoli alimentari in particolare, possono essere associati alla funzione di memoria dell’ippocampo che invecchia e al normale declino cognitivo”. Susan Kohlhass, direttrice della ricerca dell’Alzheimer’s Research Uk,  ha precisato però che lo studio è stato fatto con integratori di flavanoli di cacao sotto forma di capsule e, per tanto, non suggerisce che mangiando più cioccolata si possa migliorare la funzione della memoria del cervello.

cacao
La figura 1 dello studio spiega i test neuro-psicologici effettuati dai ricercatori americani © Scientific Reports

Che cos’è il flavanolo e perché fa bene

Tra gli antiossidanti, il flavanolo è il più prezioso. Oltre alle fave di cacao si trova anche in frutta, verdura, tè e vino rosso. È una molecola in grado di migliorare l’elasticità dei vasi sanguigni, contribuisce ad abbassare la pressione, riduce la stanchezza e migliora la memoria a tutte le età. Un altro studio americano del 2020, condotto dalle Università di Birmingham e dell’Illinois su un campione di 18 adulti maschi tra i 18 e i 45 anni, ha già dimostrato che il cacao aiuterebbe a migliorare l’agilità mentale, potenziando velocità e brillantezza d’esecuzione, in adulti giovani e sani. Secondo la ricerca, pubblicata su Scientific Reports, il merito sarebbe di proteine, lipidi, glucidi, sali minerali e vitamine del gruppo B contenuti nel cacao che ne fanno un vero e proprio alleato di cuore e cervello. Ricordiamo, infine, che la Theobroma cacao, ovvero la pianta del cacao, contiene anche serotonina, che combatte i sintomi della depressione e teobromina e caffeina che aiutano a mantenere alta la concentrazione.

Articoli correlati
Mangiare cioccolato per salvare gli orsi

Denman Island Chocolate, società che produce cioccolato biologico in Canada, ha lanciato un’iniziativa per proteggere gli orsi della Great Bear Rainforest e fermarne la caccia commerciale.

10 cibi in via d’estinzione, che potrebbero sparire in pochi anni

Riscaldamento globale, infezioni fungine e parassiti letali potrebbero mettere in pericolo i nostri cibi.. Prima che ce ne accorgiamo, alcuni di questi alimenti potrebbero diventare cibi in via d’estinzione e sparire dagli scaffali dei supermercati. Ad elencare i cibi in via di estinzione sono gli inglesi del ‘Sun’.