Welsh corgi pembroke, carattere e caratteristiche del cane della regina

Alla scoperta della razza corgi, un vero cane da compagnia, che ha bisogno di poco spazio e offre una smisurata voglia di vivere, con un tocco di “noblesse” in più. È il Welsh corgi pembroke.

Chi non conosce sua maestà la regina d’Inghilterra? E i suoi inseparabili amici a quattro zampe? Giornali, riviste e notiziari televisivi parlano spesso di questa sovrana molto amante degli animali. Pochi però, sanno esattamente a quale razza appartengono i suoi cani preferiti: sono dei Welsh corgi pembroke.

La regina Elisabetta con un Welsh Corgi Pembroke
Il Welsh corgi pembroke è una razza di cane è molto conosciuta, se non perchè posseduta dalla sovrana inglese, che ha vissuto con quattordici generazioni di corgi © Keystione/Hulton Archive/Getty Images

La razza di cane preferita dalla regina Elisabetta

Il primo incontro tra la regina di Inghilterra Elisabetta II e i corgi avvenne nel 1933, quando l’allora duca di York, poi re Giorgio VI, regalò un cucciolo di questa razza alla figlia Elisabetta. Da allora esemplari di questa razza hanno sempre scorrazzato nelle residenze regali, fino al 2015, quando la regina Elisabetta, all’età di 88 anni, ha ritenuto di essere troppo anziana per badare a un cane così vivace.

Carattere e caratteristiche del corgi

Chi ha avuto la fortuna di dividere la sua vita con uno di questi cani, sa quanto siano speciali in quanto a vivacità di carattere, simpatia, socievolezza, curiosità e intelligenza. Il corgi, come viene chiamato normalmente dagli addetti ai lavori, è un cane da pastore di taglia piccola per via delle zampe corte, ma di indole e capacità lavorativa pari a quella di un cane di taglia grande. Ancora oggi può essere usato per portare al pascolo greggi e armenti, grazie alla sua risoluta volontà di lavorare.

Le leggendarie origini della razza corgi

Le leggende del Galles narrano che due cuccioli di questa razza furono donati dalle fate a due giovani pastorelli che in un primo tempo li avevano scambiati per due cuccioli di volpe, tale era la rassomiglianza con questo animale selvatico. I loro genitori capirono invece che erano due cani, preziosi doni delle fate. Infatti per il “piccolo popolo” delle leggende Gallesi, i cani erano destrieri fatati da cavalcare per galoppare nello spazio. In tutte le leggende sembra che vi sia qualcosa di vero. Infatti, ancor oggi, questi cani portano sulle loro spalle il segno della piccola sella usata dai loro leggendari cavalieri. Come altri cani da pastore inglesi, di antica origine, hanno la coda molto corta. È questa infatti la caratteristica estetica che veniva richiesta per non pagare le tasse come cani di lusso.

Welsh Corgi Pembroke che fa surf
Il Welsh corgi pembroke è un cane estremamente vivace e intelligente © Ronen Tivony/NurPhoto via Getty Images

Le vera storia del Welsh corgi pembroke è incerta

Le origini della razza corgi sono controverse. C’è chi sostiene che discenda da antichi cani svedesi giunti per mare nel Galles, al seguito di navigatori nordici. Chi invece ne caldeggia l’origine autoctona, grazie a documenti storici che ne testimoniano la presenza dal X secolo. Nel 1925 a Camarthen in Inghilterra venne esposto un corgi per la prima volta come razza ufficialmente riconosciuta dall’inglese Kennel Club.

I corgi conquistano il mondo

In questi ultimi anni il corgi è diventato un apprezzato cane da compagnia grazie alla sua vivibilità e la sua diffusione in Europa e negli Stati uniti ha conosciuto un aumento. In Italia esistono alcuni allevamenti di corgi riconosciuti dall’Ente Cinofilo Italiano, che hanno dato vita a soggetti molto apprezzati per l’indole e le caratteristiche estetiche.

Un cane per ogni occasione

Le sue dimensioni gli permettono di occupare poco spazio in casa e, grazie al suo spiccato spirito di adattamento, è un compagno ideale sia per la vita in città che in campagna. Altra sua peculiarità è quella di non richiedere particolari cure per il mantello grazie al suo pelo medio molto fitto che gli fornisce la giusta protezione per ogni tipo di clima. Non necessita di un’attività fisica particolarmente intensa, e se dovesse accadere non è il tipo che si stanca facilmente. Il colore del mantello può essere fulvo, rosso o nero focato, con o senza macchie bianche su zampe collo e petto.

Non solo Welsh corgi pembroke

Esiste un altro tipo di Corgi, il Welsh corgi cardigan, che ha la caratteristica di avere la coda simile a quella della volpe, le orecchie leggermente più grandi e arrotondate e il mantello che può avere tutti i colori senza però che il bianco domini sugli altri.

Ragazza con il suo cane corgi
Il Welsh corgi pembroke è una razza di cane molto versatile che sa adattarsi sia al piccolo appartamento in città che alla vita di campagna.

La vita con un corgi

Vivere con un corgi vuol dire avere tutti i giorni un compagno discreto, ma sempre pieno di entusiasmo e disponibile a giocare. Il suo modo di guardarci con il capo inclinato e le orecchie tese ha un che di interrogativo e allegro. Se poi si cammina in via con lui è difficile passare inosservati, molte sono le persone che ti fermano per chiederti informazioni su di lui. Alcuni lo scambiano per un incrocio di razze, non sapendo da quale nobile lignaggio sia discendente.

Articoli correlati