Censis. Sanità pubblica negata a 11 milioni di italiani, cure private in aumento

In troppi rinunciano alle cure per mancanza di soldi, chi può invece sceglie il privato per evitare le liste d’attesa. Troppi gli esami inutili prescritti.

Nell’ultimo anno 11 milioni di italiani hanno dovuto rinunciare alle prestazioni sanitarie perché non economicamente in grado di permettersele. Chi invece può scegliere (e sono state 17 milioni di persone) ha deciso di curarsi privatamente per due motivi: il primo è che la qualità delle strutture pubbliche è considerata in peggioramento, il secondo è che le liste d’attesa sono sempre più lunghe. Per paradosso però, secondo uno studio del Censis e di Rbm Assicurazione Salute, i medici di base continuano a prescrivere esami inutili, almeno secondo le nuove linee guida del ministero della Salute.

 

Tra sanità negata, privato e intramoenia

Il dato più serio che emerge dal rapporto è quello della “sanità negata”. Se quattro anni fa erano 9 milioni, adesso sono due milioni in più gli italiani che rinviano o rinunciano alle prestazioni sanitarie perché impossibilitati a pagare il ticket: l’allarme si fa rosso in particolare per due milioni e mezzo di anziani. Ma sono in molti anche a scappare dalla sanità privata: per il 45,1% degli italiani la qualità del servizio sanitario della propria regione è peggiorata negli ultimi due anni, e oltre la metà considera inadeguato tout court il servizio sanitario della propria regione. La prima cosa che spaventa il paziente rimane la famigerata lista d’attesa: per evitarla, 7 milioni di italiani l’anno scorso si sono rivolti all’intramoenia (stessi medici, stesse strutture, ma a pagamento perché fuori dai normali orari di lavoro). Molti altri invece ricorrono al privato: “Sono 10,2 milioni gli italiani che fanno ricorso alla sanità privata, e di questi il 72,6 per cento a causa delle liste d’attesa che si allungano”, spiega Marco Vecchietti, amministratore delegato di Rbm Assicurazione Salute, compagnia specializzata nell’assicurazione sanitaria. E così la spesa privata per la sanità è arrivata a 34,5 miliardi di euro, anche perché spesso i ticket privati costano come o poco più di quelli pubblici.

 

Tanti esami inutili, ma gli italiani sono contro i livelli essenziali di assistenza

<> at Palazzo Chigi on February 28, 2014 in Rome, Italy.
Ai cittadini non piacciono i livelli essenziali di assistenza promossi dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin © Getty Images

 

I cittadini italiani rispondono a questo stato delle cose anteponendo comunque la salute al risparmio. In molti (più di 26 milioni)  hanno iniziato a pensare proprio a stipulare assicurazioni sanitarie integrative. E quasi tutti, nella disputa tra medici di base e ministero che l’anno scorso ha promulgato un decreto sull’appropriatezza delle prescrizioni mediche per limitare gli sprechi e stabilire i livelli essenziali di assistenza, stanno dalla parte dei medici: nell’ultimo anno 5,4 milioni di pazienti hanno ricevuto prescrizioni di farmaci, visite o esami poi rivelatisi inutili, ma la maggioranza dei cittadini rimane contraria al decreto del ministro Lorenzin.

Articoli correlati
Lanciamo la petizione contro la chiusura del mercato di Campagna Amica

Continuiamo la battaglia insieme ai ristoratori e ai cittadini di Roma per consentire agli agricoltori di riprendere serenamente al più presto la loro meritevole attività nel mercato di Campagna Amica. Sono stati organizzati presidi, blitz, tempeste di tweet e di lettere da parte dei ristoranti romani. Adesso firmiamo la petizione.