Ogm

La Cina approva l’importazione di mais ogm dagli Stati Uniti

Prima apertura della Cina nei confronti di mais geneticamente modificato di Syngenta e Monsanto, per un periodo di tre anni. Un passo verso le colture ogm.

Ogm

Il Governo cinese, lo scorso lunedì, ha approvato l’importazione di due colture di mais geneticamente modificate dagli Stati Uniti. Lo fa sapere la Reuters, che specifica anche il nome delle due sementi: Syngenta 5307, resistente agli insetti e Monsanto 87427, resistente al glifosato, erbicida venduto col marchio Roundup.

L'Italia dice no agli Ogm mais ogm
Le due sementi: Syngenta 5307, resistente agli insetti e Monsanto 87427, resistente al glifosato.

Si tratta del secondo passo della Cina in poco meno di un mese, di quella che viene considerata un’apertura nei confronti delle varietà geneticamente modificate (ogm) e prodotte dai giganti americani. A metà giugno infatti le autorità cinesi avevano dato via libera per il mais Enlist, varietà prodotta dalla Dow Chemical, e resistente all’erbicida Roundup, prodotto da Monsanto.

Il mais ogm arriva in Cina

Secondo quanto riporta sempre la Reuters, questa decisione va di pari passo con la campagna mediatica iniziata in patria per fare in modo che l’opinione pubblica accetti di buon grado la scelta del Governo, vista la volontà dello stesso di rivedere le proprie posizioni sulle sementi geneticamente modificate. “(Creeremo) un’atmosfera vantaggiosa per lo sviluppo sano dell’industria degli ogm”, aveva dichiarato il ministro dell’Agricoltura in un comunicato.

Roundup Monsanto pesticida
Una confezione di Roundup, prodotto a base del pesticida glifosato dalla Monsanto ©PHILIPPE HUGUEN/Getty Images

Oggi infatti il Paese è il più grande importatore di sementi, mais e soia in primis. La Cina lo scorso anno ha consumato il 65 per cento della produzione mondiale di soia, impiegata per lo più per gli allevamenti di suini e per la produzione di oli vegetali.

Ad oggi in Cina non è consentito seminare colture ogm per la produzione alimentare, ma questa approvazione consente l’importazione di sementi destinate all’industria alimentare. Sempre lo scorso giugno, per effetto dell’accordo commerciale tra Usa e Cina chiamato “dei 100 giorni”, è salpata la prima nave cargo contenente carne prodotta in Nebraska chiudendo la messa al bando dei prodotti americani durata ben 14 anni.

Articoli correlati
20 anni di corruzione e frodi scientifiche, dal cotone alla senape ogm

La corruzione per introdurre illegalmente il cotone bt in India si sta ripetendo con la senape ogm. Gli agrocoltori e la biodiversità vengono sacrificati in nome del profitto della Monsanto. Perché la senape ogm non deve essere approvata in India, spiegato dalla scienziata, ecologista e attivista Vandana Shiva.