Cop28

Cop28, a Dubai 2.500 lobbisti delle fonti fossili

Quella dei lobbisti delle fonti fossili è la terza delegazione più nutrita presente alla Cop28 di Dubai. E ha un solo obiettivo: far fallire i negoziati.

La terza “nazione” più rappresentata alla ventottesima Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite, la Cop28 che è in pieno svolgimento a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti… non è una nazione. A garantire una presenza sul posto così corposa, infatti, è l’industria delle fonti fossili, che si è presentata al summit con ben 2.456 lobbisti.

I numeri forniti dalla coalizione di ong Kick big polluters out

Si tratta di un problema non da poco, nell’ottica di una conferenza che dovrebbe porre le basi per una serie azione climatica in grado di dare attuazione concreta all’Accordo di Parigi del 2015. Chi ha raggiunto Dubai, infatti, per conto delle compagnie che sfruttano carbone, petrolio e gas lo ha fatto con l’obiettivo di evitare che la decisione finale finale della Cop28 possa includere regole troppo stringenti. L’obiettivo di questo esercito di lobbisti, insomma, è di tentare di rallentare il processo di decarbonizzazione. Esattamente il contrario di ciò di cui avremmo bisogno.

Il sultano al-Jaber parla nel corso dell'inaugurazione della Cop28
Al-Jaber parla nel corso dell’inaugurazione della Cop28 © Cop28/Mahmoud Khaled

I dati relativi alla presenza dell’industria delle fonti fossili alla conferenza mondiale sul clima sono stati forniti da una coalizione di 450 organizzazione non governative, la Kick big polluters out, della quale fanno parte, tra gli altri, Global Witness, Greenpeace, ActionAid e Transparency International. Quasi 2.500 persone, dunque: un numero inferiore solamente alla delegazione emiratina, che in quanto nazione ospitante può contare su 4.500 rappresentanti (ai quali si aggiungono 4.900 invitati), e a quella del Brasile.

Quadruplicato il numero di lobbisti fossili rispetto alla Cop27 di Sharm el-Sheikh

La nazione sudamericana più volte ha presentato un numero di delegati particolarmente nutrito nelle edizioni precedenti. Stavolta è stata particolarmente motivata, poiché nel 2025 ospiterà la Cop30, che dovrebbe svolgersi a Belém, alle porte della foresta amazzonica.

I rappresentanti dell’industria delle fossili, però, allo stesso modo erano moltissimi anche alla Cop27 di Sharm el-Sheikh (636), così come alla Cop26 di Glasgow (503). Stavolta il dato è dunque quadruplicato, superando anche l’aumento complessivo del numero di persone accreditate all’evento (che quest’anno ha raggiunto un record di oltre 80mila).

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
Restiamo obiettivi, persino a Dubai

Riuscire a non farsi influenzare dal contesto è sempre difficile per un giornalista. A Dubai lo è ancora di più, ma questo non deve inquinare il racconto del risultato che verrà raggiunto dalla Cop28.