El Salvador, è morto Gustavito, l’ippopotamo dello zoo aggredito a colpi di spranga

Gustavito, ippopotamo di 15 anni, era il simbolo dello zoo di San Salvador, settimana scorsa ignoti si sono introdotti nella sua vasca uccidendo l’animale con mazze e coltelli.

Dopo due giorni di agonia Gustavito è morto, ora la sua sofferenza è finita, basta gabbie, basta zoo, basta violenza gratuita. Gustavito era un esemplare maschio di ippopotamo (Hippopotamus amphibius) di quindici anni che da tredici anni era rinchiuso nello zoo di San Salvador, capitale dello stato di El Salvador.

Ippopotamo Gustavito
Gustavito proveniva dal Guatemala e da tredici anni era una delle attrazioni principali dello zoo di San Salvador © Epa

Se questi sono uomini

L’animale è morto in seguito alle gravi ferite riportate dopo l’aggressione che avrebbe avuto luogo martedì scorso. Alcuni uomini si sarebbero introdotti nella piscina recintata dove viveva l’ippopotamo e lo avrebbero colpito con armi e oggetti contundenti, come coltelli, pietre, sbarre di metallo e perfino un rompighiaccio.

Un attacco codardo

L’aggressione, tanto brutale quanto vigliacca, è stata notata solo giovedì, quando i custodi si sono accorti delle ferite sul corpo martoriato di Gustavito, che per due giorni non era uscito dalla propria piscina, cercando forse di lenire il dolore. “Aveva lividi su tutto il corpo, su entrambi i lati del ventre. Poi buchi in una zampa e sulla guancia, oltre a un taglio di 15 centimetri e altre lacerazioni sull’addome – ha affermato sgomento il direttore dello zoo, Vladan Henriquez, che ha annunciato la chiusura temporanea della struttura. – Non riusciamo a capire quale possa essere il motivo di questo attacco codardo”.

 

#TodosSomosGustavito

La notizia della morte di Gustavito, unico ippopotamo presente nel Paese e beniamino dei visitatori, ha suscitato rabbia e indignazione in tutta la nazione centroamericana. El Salvador è, purtroppo, avvezzo alla violenza, è infatti uno dei paesi con il maggior numero di omicidi, eppure, o forse proprio per questo, l’assassinio insensato di un animale in gabbia ha gettato nello sconforto molte persone. Su Twitter l’hashtag #TodosSomosGustavito ha riscosso grande successo e davanti allo zoo dove era detenuto l’ippopotamo sono stati depositati fiori e biglietti. Il ministro della Giustizia Mauricio Ramirez Landaverde ha annunciato che è stata aperta un’inchiesta sulla morte di Gustavito.

Articoli correlati