Tanto spazio, 7 posti e l’efficienza dell’ibrido: il maestoso Ford Explorer plug-in hybrid

Sette posti, tanto lusso e 50 km di autonomia elettrica. Ford Explorer, uno dei maxi-suv più amati d’America, debutta in versione ibrida plug-in.

Tanto spazio, prestazioni da auto sportiva e l’efficienza di un nuovo sistema ibrido plug-in. Un’equazione che il nuovo Ford Explorer Plug-In Hybrid mette a disposizione delle famiglie numerose. Sette comodi posti immersi in un ambiente tecnologico. Una componente multimediale all’avanguardia, “patrocinata” dal sistema Sync 3, la cui interfaccia si realizza grazie a uno schermo touch-screen da 10.1 pollici, e dal modem integrato Ford Pass Connect. Ford Explorer, il suv extra large molto amato negli Usa, gioca la carta dell’efficienza e debutta in una nuova versione equipaggiata con un sistema ibrido plug-in formato da un motore benzina 6 cilindri di 3 litri, un’unità elettrica e un pacco batteria agli ioni di litio da 13,6 kWh, che ovviamente può essere ricaricato anche tramite una fonte di alimentazione esterna.

Sette posti, tanto lusso e 50 km di autonomia elettrica. Ford Explorer, uno dei maxi-suv più amati d’America, debutta anche in Italia in versione ibrida plug-in. ©Ford

Ford Explorer, alle prestazioni ora si aggiunge più efficienza

Fra i vantaggi che accomunano molti modelli di auto ibridi plug-in, c’è quello di poter contare su  una riserva di energia elettrica sufficiente a soddisfare le necessità quotidiane. In questo senso i 48 chilometri di autonomia in modalità elettrica offerti da Ford Explorer Plug-In Hybrid sono un dato allineato alla concorrenza, soprattutto in virtù delle dimensioni e del peso (entrambi notevoli…)e delle prestazioni che è in grado di fornire. L’accoppiata motore benzina-unità elettrica sviluppa infatti la notevole potenza complessiva di 457 cavalli, valori praticamente assimilabili a quelli di una Ferrari. A questo si aggiungano i valori di consumi ed emissioni dichiarati da Ford: consumi medi pari a 3,1 l/100 km ed emissioni di 71 g/km di CO2.

Lungo oltre 5 metri e largo circa 2, Ford Explorer è uno dei suv più amati d’America. L’abitabilità è assicurata per 7 passeggeri più i loro bagagli. ©Ford

Dimensioni maestose e la sicurezza della trazione integrale

Le specifiche di vettura polivalente non si limitano allo spazio a bordo che il nuovo Ford Explorer Plug-In Hybrid ha in dote. Punto di forza del Suv americano è certamente la trazione integrale. Non un semplice vezzo, bensì un vantaggio tangibile nella guida, anche in tema di sicurezza. Il sistema di trazione elaborato da Ford è pensato per assicurare il massimo della motricità su ogni tipo di fondo. Merito sia della meccanica che lo realizza, ma soprattutto dell’elettronica. Che dà accesso a tutta una serie di modalità di guida che regolano in modo specifico il sistema 4×4. Le modalità di guida disponibili su Ford Explorer Plug-In Hybrid sono: Normal, Sport, Trail, Slippery, Tow/Haul, Eco e Deep Snow and Sand. Ciascuno dei quali può vantare una differente rappresentazione grafica sul display touch al centro della plancia, utile per conoscere nel dettaglio il modus operandi della tecnologia Intelligent All-Wheel Drive. Tecnologia particolarmente elaborata, che analizza ogni 10 millisecondi gli input provenienti da molteplici sensori, inclusi la velocità del veicolo, la temperatura dell’aria circostante, lo slittamento delle ruote e lo stato dell’eventuale  rimorchio.

A fronte di dimensioni esterne notevoli, l’Explorer offre uno spazio di carico notevole e personalizzabile grazie alle 3 file di sedili abbattibili. ©Ford

La sicurezza è uno dei punti di forza per Ford Explorer

Prestazioni, spazio e versatilità sono qualità intrinseche di Ford Explorer Plug-In Hybrid, sullo stesso piano si presenta pure la sicurezza. Un fattore che è dettato e assicurato non soltanto da una struttura solida e robusta, ma pure da tutta una serie di sistemi di assistenza alla guida che contribuiscono a rendere la guida il meno stressante possibile. L’elenco di dispositivi è particolarmente ricco, frutto dell’esperienza Ford più recente. Sistemi come il cruise control adattativo, unitamente al Lane-Centring e al sistema di riconoscimento dei segnali stradali, consentono ad Explorer di viaggiare in autostrada mantenendosi sempre al centro della propria corsia, rispettando anche i limiti di velocità. E per chi fosse intimorito dalle dimensioni generose, in sistema Active park assist è in grado di eseguire le manovre di parcheggio in modalità completamente automatizzata. “Non è questione di riempire il veicolo di tecnologie per il puro gusto di farlo”, ha spiegato Torsten Wey, responsabile Driver assistance and safety technology Ford Europe. “L’obiettivo è migliorare l’esperienza di guida, rendendola meno stressante, aiutando i conducenti a sentirsi più sicuri e sereni quando si trovano al volante”. Contenuti, quelli di Ford Explorer sulla sicurezza, premiati dalle 5 stelle Euro NCAP.

 

Articoli correlati