Ford Puma, identikit dell’ibrido che ha scalato le classifiche di vendita

Ford Puma, il nuovo crossover compatto ha scalato le classifiche di vendita. Fra le ragioni di scelta i vantaggi del sistema ibrido, il design e lo spazio.

Fra le maggiori ragioni di scelta, i vantaggi del sistema ibrido, l’efficienza nei consumi e un’esperienza di guida reattiva e gratificante. Ecco come Ford spiega il successo italiano di Ford Puma Hybrid, il crossover compatto che grazie alla propulsione mild hybrid (l’ibrido cosiddetto “leggero”), permette, a seconda delle regolamentazioni comunali, di accedere a vantaggi economici, fiscali e di accesso alle aree a traffico limitato. Al secondo posto nelle classifica delle ibride più vendute in Italia nel primo semestre secondo l’Unrae, Ford Puma, che a qualcuno potrà ricordare una piccola coupé diffusa negli anni Novanta, in realtà oggi è tutt’altro. Abbiamo detto che è un crossover, ossia un suv con caratteristiche più stradali, pratica, spaziosa e, almeno in questo caso, con dimensioni adatte anche alla città. Due i motori disponibili, con potenza da 125 o 155 cavalli. Che si tratti del gradino di accesso all’elettrificazione, dunque meno efficiente di modelli ibridi e ibridi plug-in è un fatto. Come un fatto è che, anche grazie a una tecnologia meno costosa, il prezzo di accesso è decisamente più abbordabile, da circa 22.600 mila euro, pur conservando alcuni dei vantaggi dell’ibrido.

Ford Puma Hybrid adotta un motore di piccola cilindrata, solo “mille” centimetri cubici e con 3 cilindri affiancato da un secondo motore elettrico/generatore alimentato da una batteria agli ioni di litio a 48 volt. © Ford

Mild hibrid, perché offre una guida più fluida. Riducendo i consumi

Sotto il cofano di Ford Puma Hybrid c’è un motore a benzina che ha già ricevuto molti riconoscimenti per la sua efficienza, per sei volte ha ricevuto il premio International Engine of the Year. Si tratta di un motore di piccola cilindrata, solo “mille” centimetri cubici e con 3 cilindri. La sua efficienza, in questo caso è ulteriormente amplificata da un secondo motore elettrico/generatore alimentato da una batteria agli ioni di litio a 48 volt. Azionato da una cinghia, questo sistema sostituisce il tradizionale alternatore, consentendo il recupero e lo stoccaggio di energia durante le decelerazioni del veicolo e la ricarica di un pacco batteria raffreddato ad aria. Il motore elettrico non agisce mai sulle ruote. E non c’è un’autonomia completamente elettrica. Ma ci sono altri vantaggi: durante frenate e discese, la parte ibrida di Ford Puma recupera energia, ricaricando la batteria e provvedendo così al funzionamento dei componenti elettrici della vettura.

Lo sfruttamento intelligente dello spazio e lo stile sono fra le ragioni del successo italiano di Ford Puma Hybrid. ©Ford

Recupera energia in frenata. Per riutilizzarla quando serve

Utilizzando l’energia elettrica recuperata, la componete ibrida aggiunge potenza al motore a combustione producendo un’accelerazione più brillante, in questo caso simile a un motore di 1.500 cc. Ovviamente quando il veicolo è fermo, a un semaforo o in coda, il motore si spegne automaticamente, un sistema particolarmente efficiente in città, dove aiuta a ridurre consumo ed emissioni. Metteteci le prestazioni interessanti, il design esterno riuscito e un prezzo accettabile e otterrete le ragioni del successo di questi primi mesi dell’anno. “Fin dal lancio, Puma ha entusiasmato i clienti perché coniuga un design dalle linee sinuose con una soluzione intelligente dello spazio e l’innovativa motorizzazione”, Fabrizio Faltoni, presidente e amministratore delegato di Ford Italia, sul successo di vendite italiano di Puma Hybrid.

Si chiama Drive Modes il sistema che permette di scegliere fra diverse modalità di guida: Normal, Eco, Sport, Slippery e Trail. ©Ford

Cinque modalità di guida per uno stile su misura

L’altro aspetto che, sempre secondo Ford, ha inciso sul successo di vendite di Puma Hybrid è il piacere di guida e la possibilità di adattare diverse modalità di funzionamento in base al proprio stile o alle condizioni stradali. Ford lo chiama Drive Modes, ossia un sistema che permette, premendo un pulsante, di adattare acceleratore, sterzo e controllo della trazione al tipo di necessità. Normal, Eco, Sport, Slippery (bassa aderenza) e Trail (sterrato) sono le cinque opzioni disponibili, identificate graficamente nel quadro strumenti davanti al posto guida, un aiuto concreto per sfruttare al meglio l’efficienza di Puma Hybrid e un contributo all’adozione di stili di guida più sostenibili.

Articolo sponsorizzato

Articoli correlati
Ford C-Max Energi Ibrida

Ford presenta la nuova Ford C-Max il suo motore elettrico è accoppiato ad uno termico. Insomma un’ibrida a tutti gli effetti.