Formula E, Jaguar svela come cambieranno le auto nella prossima stagione

Con la I-TYPE 3, Jaguar svela la monoposto elettrica che correrà nella prossima stagione della Formula E. L’autonomia consentirà di correre tutta la gara senza cambio auto.

L’ e-Prix di Roma, la settima tappa del campionato di Fomula E, si è appena concluso. E con le prossime tappe di Parigi, Berlino e Zurigo la quarta stagione del Campionato ABB FIA Formula E si avvia verso la grande finale di New York a luglio, che si disputerà a Red Hook, Brooklyn, su un circuito cittadino lungo 2,45 chilometri con vista su Manhattan e la Statua della Libertà. Nell’attesa di sapere chi si aggiudicherà la più importante competizione sportiva dedicata alle auto elettriche, qui vedete la classifica aggiornata, la Formula E per la stagione 2018-19 vedrà diverse novità sulle monoposto elettriche. E per averne un’idea concreta siamo andati a vedere l’auto del Panasonic Jaguar Racing, il team che ha appena presentato la sua Jaguar I-TYPE 3, ossia la versione “Gen 2” della vettura da gara che debutterà nella quinta stagione del Campionato ABB FIA Formula E.

La Jaguar I-TYPE 3 delPanasonic Jaguar Racing team di fatto anticipa le evoluzioni tecniche della prossima stagione del del Campionato ABB FIA Formula E.
La Jaguar I-TYPE 3 del Panasonic Jaguar Racing team di fatto anticipa le evoluzioni tecniche della prossima stagione del Campionato ABB FIA Formula E. © Jaguar

Formula E. Ecco cosa cambierà nella prossima stagione

Come anticipato da Jean Todt, presidente della Fia, e Alejandro Agag, il patron della Formula E, al recente Salone dell’auto di Ginevra, le monoposto per il prossimo campionato cambieranno, più nella sostanza che nella forma. Ecco le principali novità che, come per la nuova monoposto I-TYPE 3 di Jaguar, costituiranno la base comune per tutti i team che si schiereranno al via nella prossima stagione.

  • aerodinamica: ruote carenate e linee avveniristiche
  • peso: aumenta di 20 kg, da 880 a a 900 kg (compreso il pilota)
  • dimensioni: lunghezza 5,16, larghezza 1,77 m
  • prestazioni: velocità massima di 280 km/h; accelerazione 0-100 km/h in 2″8 secondi
  • batteria: debutta una batteria maggiorata da 385 kg che consentirà di coprire tutta la distanza di una gara senza dover effettuare il cambio auto come avviene adesso
  • potenza: passa da 200 a 250 kw (340 cv) in qualifica e da 180 a 220 kw (270 cv) nella modalità gara

Addio cambio auto. E la ricarica sarà da rinnovabili

Oggi le auto non riescono a completare tutti i giri con una sola carica. Per questo c’è il cambio auto a metà della gara. Ma dal prossimo anno, con le modifiche che abbiamo visto sopra, le nuove monoposto saranno in grado di completare il circuito senza effettuare soste per cambiare il veicolo. La good news? L’obiettivo dell’organizzazione è quello di alimentare le monoposto e l’intero circus esclusivamente con energie rinnovabili.

Con un propulsore elettrico che eroga 200 kW (270 CV) e un telaio con struttura a nido d'ape in fibra di carbonio superleggero, I-TYPE 2 garantirà nella prossima stagione più maneggevolezza e prestazioni più elevate. © Jaguar
Con un propulsore elettrico che eroga 200 kW (270 CV) e un telaio con struttura a nido d’ape in fibra di carbonio superleggero, I-TYPE 2 garantirà nella prossima stagione più maneggevolezza e prestazioni più elevate. © Jaguar

Monoposto elettriche (quasi) uguali per tutti

Il regolamento del Campionato ABB FIA Formula E prevede che i costruttori possono progettare il proprio gruppo motopropulsore, che comprende il motore, la trasmissione, l’inverter e la sospensione posteriore.
I componenti comuni a tutti i team sono invece il telaio in fibra di carbonio e la batteria. L’attenzione, per tutti i costruttori, si concentra soprattutto sullo sviluppo dei propulsori elettrici.

L’evoluzione della specie secondo Jaguar

“Per Panasonic Jaguar Racing inizia una nuova tappa nel viaggio verso l’elettrificazione”, ha commentato James Barclay, Team director di Panasonic Jaguar Racing. “Con la Formula E siamo ritornati alle competizioni motoristiche e tutto ciò che apprendiamo gara dopo gara lo trasferiamo dalla pista alla strada. La livrea della Jaguar I-TYPE 3 è una progressione stilistica di quella presente sulla vettura da corsa di questa stagione”.

 

Nelson Piquet Jr dopo i primi test drive

“Lo scorso mese ho avuto la possibilità di guidare la versione di prova della Jaguar I-TYPE 3. È stato una grande momento per noi. La vettura è partita bene e sembra essere promettente ma c’è ancora molto da fare prima di farla correre in pista alla fine di quest’anno”, ha commentato dopo i primi test Nelson Piquet Jr, il pilota che insieme al neozelandese Mitch Evans compone il team Panasonic Jaguar Racing.

Il gran finale in luglio a New York

La Formula E è l’unica fra le competizioni motoristiche che, a eccezione dell’ePrix del Messico, si svolge sempre su circuiti temporanei tracciati nei centri delle principali città del mondo.

Qui il calendario delle prossime gare

  • 28 aprile ePrix di Parigi
  • 19 maggio ePrix di Berlino
  • 10 giugno ePrix di Zurigo
  • 14-15 luglio ePrix di New York

Articoli correlati
Opel Manta, la coupé anni ’70 rinasce elettrica

Opel annuncia il ritorno di Manta, la coupé anni ’70 che rinasce grazie a un progetto unico. Obiettivo? Guardare avanti celebrando il passato, dandogli nuova linfa grazie all’elettrico.

Articolo sponsorizzato