Gabriele Del Grande liberato, è già rientrato in Italia

Il blogger e videoreporter arrestato in Turchia due settimane fa senza accuse è atterrato a Bologna: “Sto bene, ma ho subito una violenza istituzionale”

Gabriele Del Grande, il blogger e videoreporter che dallo scorso 9 aprile era stato incarcerato in Turchia, è stato liberato ed è già atterrato all’aeroporto di Bologna in mattinata, accolto dal ministro degli Esteri Angelino Alfano: “Sto bene – ha assicurato Gabriele –  nessuno mi ha mancato di rispetto e non mi è stato torto un capello, la più grande difficoltà è stata la detenzione e la privazione della libertà”.

Nessuna violenza fisica dunque, per fortuna, ma piuttosto “una violenza istituzionale: quello che mi è successo è illegale. Non ho capito perché sono stato fermato”. In effetti, Del Grande è stato fermato da agenti in borghese, mentre si trovare vicino al confine con la Siria a realizzare un servizio, sprovvisto di un permesso stampa richiesto dalle autorità turche, ma senza ulteriori capi di accusa. “Mando un pensiero a tutti i detenuti in generale e a tutti i giornalisti in carcere, anche in condizioni peggiori della mia, in Turchia e in altre parti del mondo”.

Il primo ad annunciare la liberazione di Gabriele dopo quasi due settimane era stato ministro degli Esteri Angelino Alfano: “Gabriele Del Grande è libero – aveva twittato – Ho avuto la gioia di avvisare i suoi familiari. Questa notte il collega ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu mi ha comunicato la decisione. Lo ringrazio”. Anche il premier Paolo Gentiloni ha sentito al telefono Gabriele e ha twittato: “Bentornato in Italia”.

Articoli correlati
Un anno nero per i giornalisti

Il numero di giornalisti finiti dietro le sbarre nel 2012 ha raggiunto un nuovo record da quando il Commitee to project journalists (Cpj) ha cominciato le rilevazioni nel 1990.