Gatto. Persiano dal muso pechinese

Nasce nei primi dell’ottocento, grazie ad allevatori inglesi, da una selezione di gatti provenienti dalla Persia e dalla Turchia.

I suoi parenti più stretti sono il gatto persiano rosso e il
rosso marmorizzato.
In Europa non è considerato un gatto di razza, a differenza
degli Stati uniti, dove è riconosciuta come razza anche il gatto persiano colourpoint.
Quando è cucciolo è difficile intravedere le sue
caratteristiche, che si evidenzieranno con la crescita.

Il muso da pechinese non è, ovviamente, diretta
eredità del cane pechinese, ma solo una stretta
assomiglianza.
Il naso è il suo punto debole perché, data la
conformazione, potrebbe causare problemi di respirazione. Altri
problemi potrebbero derivare dalle pieghe di pelle sotto gli occhi
che talvolta possono chiudere il canale lacrimale.

Avendo il naso infossato e le guance molto tonde, quando il gatto
è di profilo si vedrà solo un’enorme quantità
di pelo.
E’ necessario fare molta attenzione al suo pelo: per evitare che si
possa soffocare bisogna fare quotidianamente una “seduta di
spazzola”, armati di molta pazienza ed energia.

Caratterialmente è un gatto un po’ altezzoso, perché
cosciente della propria bellezza, ma è un ottimo compagno di
giochi.

Allevamento:
FILEWELL’S, di Monica Giovine
Via Rossigni, 4
23876 Monticello Brianza (Lc)
tel. e fax: 039 9207000
e-mail: [email protected]

 

Articoli correlati