Gli stili del Kung Fu

La divisione in stili

Solo in seguito i Cinesi si adoperarono per determinare le
caratteristiche dei diversi modi di combattere e nacque una prima
divisione in stili.

Una prima distinzione che può essere fatta riguarda le
differenze tra pugilato e lotta: il primo ha come obiettivo la
distruzione fisica del nemico a suon di colpi, la seconda, invece,
prevede la sottomissione dell’avversario senza che venga ferito o
ucciso.

Una seconda distinzione importante prende in considerazione la
distanza di combattimento: a corta distanza e a lunga distanza. In
questo stesso ambito si inserisce anche la classificazione delle
armi usate nella pratica del Kung Fu; per cui abbiamo armi indicate
per un combattimento a breve distanza (Coltelli, Spade, Sciabole) e
armi utili in caso di duello a lunga distanza (Alabarda,
Lancia).

Una terza distinzione è convenzionalmente fatta tra stili
del nord e stili del sud della Cina.
I primi prediligono tecniche lunghe di braccia, di calci, sono
caratterizzati da un notevole dinamismo e, nelle rappresentazioni
più moderne, da un elevato grado di
spettacolarità.
I secondi preferiscono tecniche corte di braccia, i calci sono in
numero limitato, le posizioni sono statiche e molto basse.
“Pugni nel sud, calci nel nord” è un antico detto cinese che
schematizza questo diverso modo di praticare l’Arte Marziale.

Un’ ultima distinzione, e forse la più significativa nella
pratica del Kung Fu, identifica gli stili esterni e stili
interni.
Negli stili esterni si dà molta importanza al lavoro fisico,
l?allenamento prevede il mantenimento di posizioni statiche per il
rafforzamento d?ossa e articolazioni, lo spostamento da una
posizione all?altra per potenziare muscoli e tendini e spostamenti
dinamici, la cui azione è positiva sull?apparato
cardiocircolatorio; il tutto è accompagnato da un uso
razionale della respirazione.
Nella pratica interna si inizia col regolare la respirazione e si
prosegue col far circolare l’ energia che andrà a nutrire
muscoli e tendini e a rigenerare l?intero corpo, affinché si
raggiunga la Lunga Vita.

Muscoli, tendini, ossa, respirazione, energia, sono elementi comuni
sia alla pratica esterna, sia a quella interna. Questa semplice
osservazione ci fa capire come l’Arte sia una e una sola; lo scopo
da raggiungere è lo stesso, la strada è ancora la
stessa, solo che è percorsa nei due versi opposti: nella
pratica esterna si comincia dal fisico e si arriva a muovere e a
direzionare l’energia interna, nella pratica interna si comincia
col prendere coscienza dell’ energia e si finisce col renderla
nutrimento per il fisico.

Massimiliano Gennari

indietro

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Coltivare la barba di Giove: segreti per un giardino rigoglioso

La barba di Giove, o Centranthus ruber, incanta per le sue fioriture prolungate e la resistenza alla siccità, rendendola una gemma nei giardini. Questa perenne illumina gli spazi dal tardo spring all’autunno con fiori che variano dal rosso vivace al bianco e rosa, attrattiva per farfalle e api. Non solo bella, ma anche ricca di

9 Consigli pratici per il cambio armadio in vista dell’inverno

Con l’arrivo dell’inverno, il cambio di stagione costituisce un’attività di riordino fondamentale, una tappa obbligata per dare un nuovo volto al tuo guardaroba in vista dell’arrivo di condizioni climatiche più rigide. E’ arrivato quindi il momento di preparare il guardaroba in modo strategico per affrontare le sfide climatiche e per trovarti a tuo agio nella