Diritti umani

Il 19 agosto è la Giornata mondiale umanitaria

La giornata celebra gli operatori umanitari di tutto il mondo e il suo obiettivo è quello di “ispirare umanità”.

Chi soccorre i soccorritori? Verrebbe da chiedersi parafrasando un antico aforisma latino. Parliamo degli operatori umanitari di tutto il mondo che quotidianamente rischiano la propria vita per alleviare le sofferenze delle popolazioni colpite da crisi umanitarie.

 

 

Bambino tra le macerie in Siria
In Siria è in corso la più grave crisi umanitaria dai tempi del genocidio in Ruanda, quasi 7 milioni di civili hanno bisogno di assistenza umanitaria Photo: WFP/Abeer Etefa

L’origine della ricorrenza

Proprio per celebrare coloro che hanno perso la loro vita prestando servizio umanitario e coloro che, nonostante i pericoli, continuano a dedicarsi ai bisognosi, il 19 agosto si celebra la Giornata mondiale umanitaria. La ricorrenza è stata istituita dalle Nazioni Unite nel 2008, per ricordare l’uccisione di 22 persone durante un attacco terroristico al quartier generale dell’Onu di Baghdad, in Iraq.

 

Mamma e bambino, Sierra Leone
I conflitti, insieme alla povertà, sono tra le principali cause dell’insicurezza alimentare e gli operatori e le operatrici umanitari si mobilitano per portare soccorso alle comunità colpite

 

 

Omaggio agli operatori umanitari

Il tema della nona edizione della Giornata mondiale umanitaria è “One humanity”, per evidenziare il filo rosso che unisce tutta la specie umana e la necessità di fratellanza. “La Giornata mondiale Umanitaria ci ricorda la necessità di agire per alleviare le sofferenze nel mondo. È anche l’occasione per onorare gli operatori umanitari e i volontari che lavorano duramente in prima linea. Rendo omaggio a queste donne e a questi uomini che affrontano gravi pericoli per aiutare gli altri”, ha dichiarato il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon. Il 19 maggio 2016 verrà assegnata, presso la sede delle Nazioni Unite a New York , la medaglia Dag Hammarskjöld ai 129 operatori umanitari delle Nazioni Unite caduti sul lavoro da gennaio a dicembre 2015.

Cinema sociale

In tutto il mondo sono state organizzate diverse attività, come proiezioni di documentari e mostre fotografiche (l’associazione  Conscious Good ha organizzato un festival cinematografico in cui verranno presentati corti e documentari su aree attraversate dai conflitti, rifugiati nel mondo e popolazioni colpite da Ebola), per dare visibilità alle crisi umanitarie che affliggono il pianeta,

Articoli correlati