Il lupo, questo (s)conosciuto

Il lupo vive in branchi organizzati in modo rigidamente gerarchico: esiste una coppia dominante, un maschio e una femmina, a cui spetta sempre il primo boccone di cibo.

Esistono solo due specie di lupo:

  • il lupo grigio (Canis lupus) di cui ci esistono 32 sottospecie
    tra cui il lupo europeo, il lupo delle steppe asiatico, il lupo
    italico e il lupo artico e
  • il lupo rosso (Canis rufus) un tempo comune negli Stati Uniti,
    oggi praticamente estinto.

Il lupo vive in branchi organizzati in modo rigidamente gerarchico:
esiste una coppia dominante, un maschio e una femmina, a cui spetta
sempre il primo boccone di cibo.

Essi sono i capi del gruppo e ne decidono i vari momenti di vita
(inizio e strategia di caccia; scelta della preda da catturare;
momenti di riposo o di marcia; esplorazione di nuovi
territori).
La coppia è l’unica che può riprodursi. Quando la
femmina è in attesa dei cuccioli, scava una tana o ne
riadatta un’altra già preesistente. Tutti i membri del
branco portano cibo alla tana rigurgitandolo al ritorno della
caccia.

I cuccioli nascono ciechi e sordi. Dopo la 2° settimana aprono
gli occhi e verso la 5° settimana incominciano a mangiare la
carne portata dalla mamma.

Tutte le femmine del branco possono supplire al ruolo della mamma,
persino allattare i cuccioli nel caso alla madre accada qualche
cosa.

Dai due ai sei mesi i cuccioli cominciano ad esplorare il
territorio, sono gli unici che non hanno regole all’interno del
branco, essi apprenderanno tutto ciò che devono sapere dagli
adulti: le tecniche di caccia, le regole sociali e la conoscenza
dei luoghi.

In Italia ne restano solo 400. Il problema è che trovano
poco da mangiare. I casi di attacchi all’uomo da parte dei lupi
sono praticamente inesistenti. Non ha quindi senso avere paura del
lupo, che notoriamente si allontana appena vede un essere
umano.
Non solo: la maggior parte degli attacchi al bestiame non
provengono dai lupi, ma bensì dai cani randagi che sono in
continuo aumento (circa 2.000.000 su solamente 400 lupi). Inoltre
il lupo è ben lungi da essere un famelico predatore, infatti
attacca e uccide solo per quello di cui ha bisogno, preferendo le
grandi alle piccole prede e attaccando spesso gli animali anziani,
feriti o malati.

Il lupo opera pertanto una sorta di selezione naturale, quindi
senza cattiveria o sete di sangue.

Articoli correlati
Depressione e cibo

Nel libro Prevenire e curare la depressione con il cibo, gli autori, Attilio Speciani e Luca Speciani, spiegano, a fronte di dati scientifici e testimonianze, come e perché siamo “dipendenti”.

Taccuino di una sbronza

Un libro originale, divertente e avvincente. Che racconta in maniera traslata l?Italia dal 1994 ad oggi. La politica, la situazione sociale, lavorativa.