Perché tenere un diario alimentare

Qualche disturbo anche durante la pausa estiva?

Gli alimenti, per essere assimilati dall’organismo, devono subire
processi metabolici specifici che “smontano” le sostanze nutritive
nei loro componenti fondamentali:

  • i grassi, in acidi grassi;
  • gli zuccheri, gli amidi e i carboidrati, in glucosio;
  • le proteine in aminoacidi.

L’organo preposto al loro assorbimento è la mucosa
intestinale, che tra le altre funzioni dovrebbe anche impedire il
passaggio nel sangue di sostanze non completamente “smontate”. In
taluni casi, però, la nostra mucosa non funziona
perfettamente e succede che macromolecole improprie, entrino in
circolo, contribuendo a procurare disturbi alimentari, che possono
arrivare a vere e proprie intolleranze o allergie.

Non appena vi accorgete, che dopo aver consumato del cibo vi
sentite poco bene, dovete iniziare a prestare molta attenzione ai
vostri malesseri, a quando compaiono, a come si manifestano e a
quale cibo possono essere ricollegati.

Utilissimo, in tale senso, tenere un ” diario dei consumi
alimentari” in cui segnare giorno per giorno:

  • gli ingredienti che compongono i vostri pasti;
  • la quantità consumata;
  • l’orario;
  • come e quando si sono manifestati i disturbi, fisici e
    psichici.

Spesso, ma a torto, si trascurano le manifestazioni psichiche, come
l’irritabilità, un senso d’inquietudine e di ansia,
svogliatezza, cattivo umore o anche ipereccitazione.

Portate con voi il diario fin dalla prima visita medica.
Sarà un utile base da cui partire per indagare e risolvere i
vostri malesseri.

Licia Borgognone

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Coltivare la barba di Giove: segreti per un giardino rigoglioso

La barba di Giove, o Centranthus ruber, incanta per le sue fioriture prolungate e la resistenza alla siccità, rendendola una gemma nei giardini. Questa perenne illumina gli spazi dal tardo spring all’autunno con fiori che variano dal rosso vivace al bianco e rosa, attrattiva per farfalle e api. Non solo bella, ma anche ricca di

9 Consigli pratici per il cambio armadio in vista dell’inverno

Con l’arrivo dell’inverno, il cambio di stagione costituisce un’attività di riordino fondamentale, una tappa obbligata per dare un nuovo volto al tuo guardaroba in vista dell’arrivo di condizioni climatiche più rigide. E’ arrivato quindi il momento di preparare il guardaroba in modo strategico per affrontare le sfide climatiche e per trovarti a tuo agio nella