Il silenzio come luogo dell’amore

“E’ soltanto nel silenzio che l’amore prende coscienza della sua essenza miracolosa, della sua libertà e della sua potenza d’intimità. Le parole distruggono la sua fragile delicatezza e la sua grazia sempre nascente…”

Louis Lavelle, uno dei filosofi di maggior spicco dello
spiritualismo francese della prima metà del Novecento,
così scrive a proposito del fecondo rapporto tra amore e
silenzio: “E’ soltanto nel silenzio che l’amore prende coscienza
della sua essenza miracolosa, della sua libertà e della sua
potenza d’intimità. Le parole distruggono la sua fragile
delicatezza e la sua grazia sempre nascente…. Se la parola
è come un fiume che porta la verità da un’anima verso
l’altra, il silenzio è come un lago che la riflette e nel
quale tutti gli sguardi vanno a incontrarsi.”

Lo splendido passo di Lavelle mostra in tutta la sua pienezza il
senso dell’equazione tra silenzio e amore: l’amore vive e matura,
nel suo quotidiano donarsi, non nel frastuono assordante della
parola, ma nel silenzio della carezza, nello stupore dello sguardo,
nella ricchezza del gesto premuroso.

La stessa parola amorosa può essere arricchita dal silenzio,
resa meno invadente, assordante.
Al contrario, se la parola è finalizzata a se stessa,
finisce per distruggere l’intimità dell’amore, “la sua
grazia sempre nascente”, diventando una superficie opaca dove gli
sguardi non possono incontrarsi.

Fabio Gabrielli

 

Articoli correlati
“Essere due”, l’armonia nella coppia

La relazione di coppia si costruisce con l’attiva collaborazione di entrambe le parti, nella ricerca di una interazione in cui si possa crescere insieme nel reciproco rispetto della differenza.

Amore vero e felicità

Tristezza, rabbia e paura: sono tutte emozioni che derivano da qualche forma di attaccamento a qualcosa o a qualcuno. Tuttavia molti di noi imparano a credere che anche l’amore e la felicità siano emozioni.

Amore & lavoro

Lavoro e amore sono sempre considerate due sfere separate, ma in realtà il lavoro si fa bene solo quando ci si mette amore.

Spinoza: potenza di gioia e amore

Uno dei pensatori più importanti della filosofia moderna. Nella sua opera Spinoza si è fatto cantore della felicità come vera forza, come puro distillato di potenza delle umane passioni.

Sì alla vita

“A vicenda predominano, Amore e Odio, in ricorrente ciclo, e fra loro si struggono e si accrescono nella vicenda del destino”.

Platone e il secondo mito di Amore

Platone ci offre una delle più belle pagine sul mito di Amore. Amore non è né dio né un mortale. Amore è un demone, un essere tra gli dei e gli uomini.