IllogicaSveglia

IllogicaSveglia Oggi la giornata è iniziata bene, svegliato esattamente 7 secondi prima che suonasse la sveglia… stamattina l’ho fregata…lei con quel suo suono un po’ angoscioso…… è mesi che dico che devo cambiarla, ma lei è sempre lì sul comodino che resiste… comunque stamattina l’ho fregata… accendo la radio e sento una delle miei prime

IllogicaSveglia

Oggi la giornata è iniziata bene, svegliato esattamente 7
secondi prima che suonasse la sveglia… stamattina l’ho
fregata…lei con quel suo suono un po’
angoscioso…… è mesi che dico che devo cambiarla,
ma lei è sempre lì sul comodino che resiste…
comunque stamattina l’ho fregata… accendo la radio e sento
una delle miei prime dieci canzoni preferite, Viva l’Italia di
Francesco De Gregori… beh si dice che chi inizia bene
è già a metà dell’opera…quindi oggi sono
sicuro che sarà un buona giornata…

viva l’Italia, l’Italia liberata, l’Italia del valzer, l’Italia
del caffè. L’Italia derubata e colpita al cuore viva
l’Italia, l’Italia che non muore.

Essì l’Italia che non muore… anche se in questi
ultimi anni siamo un po’ un Paese che arranca, che si compromette,
che si consegna ai sollazzi del potere… siamo sempre
più impauriti di fronte alle diversità altrui…
sembriamo aver smarrito il filo che ci legava ad un passato
glorioso, quel filo annodato ad altri uomini e ad altre donne, che
avevano fatto di questo Paese un luogo e un’idea di cui andare
fieri. È facile cadere in una specie di nostalgica trance e
sentirsi orfani di gente come Pasolini, Montanelli, Fellini, De
Gasperi, Pertini, Berlinguer, Gaber, De Andrè, e a questa
lista ognuno può aggiungere i suoi nomi.
Amare il proprio Paese è un cammino tortuoso, è un
cammino da fare con la schiena dritta e lo sguardo attento, un
cammino fatto di scoperte dolorose, di vibranti denunce ma anche
d’improvvise sorprese e di slanci dell’anima….e in una
giornata come questa cominciata bene… nonostante tutto…
io vedo dei bagliori di luce in questa nostro Paese dal fiato
corto…… e sono sicuro che esistono molte strade, che
passano da un iniziale sforzo di fiducia, che spinga la nostra
vista, anche quella mentale, alla ricerca del bello… e allora
viva l’Italia..l’Italia che resiste… come la mia sveglia
lì sul comodino…

SONG VIVA L’ITALIA, FRANCESCO DEGREGORI

Basilio Santoro

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Illogico Calcio

CHE POI ieri sera mi sono guardato la partita di calcio dell’Italia contro il Paraguay finita 1-1. Dopo ho guardato un po’ quei programmi infiniti, pieni di parole e opinioni di giornalisti ed ex giocatori, che l’hanno criticata molto. Devo dire che a me è piaciuta nonostante il pareggio. Era un po’ di tempo che

IllogicaAvidità

IllogicaAvidità   “… e dal mio lavoro: la speculazione mobiliare-immobiliare. È una stronzata! C’è il 90% degli americani là fuori che sono nullatenenti o quasi. Io non creo niente. Io posseggo. E noi facciamo le regole: le notizie, le guerre, la pace, le carestie, le sommosse… il prezzo di uno spillo. Tiriamo fuori conigli dal

IllogicoMuro

IllogicoMuro CHE POI c’è sempre un muro. Il muro è un simbolo molto forte nell’immaginario di tutti noi. Rappresenta un ostacolo al movimento, alla comunicazione. Se è eretto da altri per allontanarci, può essere causa di angoscia e sofferenza. Il 9 novembre del 1989 crollava il muro di Berlino. Sono passati esattamente 20 anni e

IllogicaAlda

IllogicaAlda Il suono della sua voce era veramente poesia pura. Se ne va una poetessa, più importanti del novecento ma soprattutto se ne va una donna. Una donna vera. Una donna intensa e difficile. Un’intellettuale diversa e non incasellabile in alcun modo». Un titolo di una sua opera è stato «Più bella della poesia è

IllogicaAbitudine

IllogicaAbitudine c’è un libro che si intitola il PUNTO CRITICO di Malcom Gladwell….questo signore analizza i modi del cambiamentoo…e nel suo libro racconta la storia di un gruppo di contadini di una certa area degli USA che avevano dei nuovi semi per la coltivazione di pomodori….e questi pomodori risultavano migliori di quelli tradizionali…le prime aziende

IllogicaIkea

IllogicaIkea CHE POI a che serve correre dietro ai soldi in modo così ossessivo a che serve essere super ricchi se poi questi vivono in un modo demenziale: possiedono ricchezze mille volte superiori a quelle di u imperatore romano e si affannano ancora ad accumulare altro denaro fregandosene delle morti e delle devastazioni ambientali che

IllogicaGuerraDeiRoses

IllogicaGuerraDeiRoses ……CHE POI c’è sempre la Paura del Cambiamento….. Ieri sera ….serata dura…..i vicini del piano di sopra……hanno inscenato la Guerra dei Roses….piatti che volavano, e si frantumavano sui muri e per terra tra grida e accuse reciproche……ma perché dobbiamo essere sempre così nevrotici… e malvagi… non è più conveniente… goderci la vita… potremmo vivere

IllogicoComune

IllogicoComune Faceva male ugualmente, spingeva a riflettere, ma allo stesso tempo innalzava lo spirito e la vita pulsava tra le fogne a cielo aperto…… E come dimenticare Mario Soldati e Gianni Brera, i loro racconti dalle rive del Po, quella poesia che volava alta parlando di ricette contadine, di rane, di cose da poco. Un

IllogiciIngredienti

IllogiciIngredienti E allora bisogna costruire una strada alla ricerca dell’Italia che funziona e lungo questa strada lasciare il cuore incollato al finestrino e cominciare a raccontarla. Amore. Poesia. Verità. Come Pane Amore e fantasia si perché per poter risollevare la nostra bella Italia che arranca questi sono gli ingredienti che ci vogliono e allora voglio