Indagine Nielsen, sempre più apprezzato il Fairtrade

In base alla ricerca Nielsen “Il marchio Fairtrade: quali opportunità di sviluppo?”, due terzi degli italiani ritiene affidabili i prodotti etici.

Cresce tra i consumatori italiani la fiducia nei prodotti etici, anche da parte degli acquirenti meno informati sui temi della sostenibilità. A dirlo è la ricerca dell’istituto Nielsen “Il marchio Fairtrade: quali opportunità di sviluppo?”. Il sondaggio, condotto nell’aprile scorso su un campione di mille famiglie, ha analizzato il modo in cui è percepito in Italia il tema del consumo responsabile. Un focus specifico era riservato a Fairtrade, che ha commissionato la ricerca e che quest’anno festeggia i vent’anni di attività in Italia.

 

Il 65 per cento degli intervistati ritiene affidabili i prodotti etici. Una definizione che raccoglie una gamma molto ampia e variegata di beni, dal cacao agli abiti, passando dai detersivi biodegradabili. La fiducia riposta nella categoria è superiore al livello di conoscenza dei prodotti stessi. Un terzo degli intervistati giudica i prodotti etici affidabili, pur dichiarando di conoscerli poco o nulla.

 

La qualità è la motivazione che spinge il 65 per cento degli intervistati verso questo genere di acquisti. Chi si orienta verso prodotti del commercio equo e solidale o certificati da marchi di garanzia, lo fa nel 63 per cento dei casi perché li ritiene più genuini e naturali rispetto a quelli delle altre marche.

Articoli correlati
BabE-commerce, cos’è e perché è sostenibile

Un modo eco friendly per acquistare risparmiando e riciclare prodotti per l’infanzia arriva dal web, dove mamme e papà oggi si ingegnano per innescare un circolo virtuoso di compravendita dell’usato, in cui a guadagnarci sono proprio tutti. Con un occhio attento anche alla qualità e al fairtrade