Crisi climatica e protezione del Pianeta, un nuovo principio del commercio equo e solidale

L’Organizzazione mondiale del commercio equo e solidale ha deciso di includere fra i suoi principi la lotta contro i cambiamenti climatici. Altromercato racconta le storie degli agricoltori che ogni giorno li affrontano.

Gli effetti dei cambiamenti climatici sembrano spesso poco tangibili. Ma ci sono persone come Juan e José che per colpa del riscaldamento globale rischiano di restare senza lavoro, tant’è che hanno dovuto ingegnarsi per trovare delle strategie che permettessero loro di combatterlo quotidianamente.

È pensando alle loro storie che l’Organizzazione mondiale del commercio equo e solidale (Wfto) ha deciso di rielaborare il decimo dei suoi principi, quello dedicato alla tutela dell’ambiente, che d’ora in poi si chiamerà così: “Crisi climatica e protezione del Pianeta”. Parallelamente verranno raddoppiati gli sforzi per tagliare le emissioni di CO2, promuovere la produzione sostenibile, ridurre il consumo di plastica e la quantità di rifiuti. L’annuncio è arrivato alla conferenza tenutasi a Lima, in Perù, nel mese di settembre.

Leggi anche:

Altromercato, commercio equo e solidale
Da sempre impegnata nella tutela dell’ambiente, l’Organizzazione mondiale del commercio equo e solidale ha deciso di includere fra i suoi principi la lotta alla crisi climatica © Beatrice De Blasi

Le storie dei produttori di Altromercato

Nella nazione sudamericana, José Rojas Hernandez produce caffè biologico. Come lui, le settemila famiglie che fanno parte della cooperativa Norandino hanno selezionato le varietà di piante più resistenti alle avversità del clima, e reso i sistemi d’irrigazione più efficienti.

Juan Francisco Hun Pop gestisce 165 ettari strappati alla coltivazione della coca in una delle aree più povere del paese, dove adesso crescono baby banane. “Qui gli eventi meteorologici estremi, come uragani ed esondazioni, ci rendono la vita difficile. Grazie ad un progetto pilota stiamo testando varie soluzioni, come l’utilizzo di barriere frangivento e sistemi d’irrigazione anti-siccità”.

Leggi anche: Come l’agricoltura biologica a Cuba ha salvato la popolazione dalla fame

Altromercato, commercio equo e solidale
Sviluppo sostenibile e riforestazione: due impegni prioritari per la cooperativa Norandino, che riunisce in Perù settemila famiglie e da anni è impegnata a migliorare le condizioni di vita dei contadini soci. Grazie all’incremento nelle vendite dell’eccellente caffè biologico di qualità arabica e del cacao biologico i soci di Norandino hanno creato una valida alternativa al mercato di foglie di coca © Luca Maccione/Altromercato

Altromercato campus a Verona

Questi modelli virtuosi sono contenuti nel dossier “Maneggiare con cura. Cambiamento climatico e fair trade” che verrà presentato sabato 12 ottobre a Verona durante la terza edizione di Altromercato campus, un evento culturale aperto al pubblico – ai giovani specialmente – organizzato da Altromercato, la più importante realtà italiana nel panorama del commercio equo e solidale, seconda nel mondo.

“Ci ribolliva il sangue quando ci raccontavano dei coyotes – gli intermediari locali – che insieme alle multinazionali affamavano i produttori di caffè in Messico”, racconta Cristiano Calvi, presidente di Altromercato. “Trent’anni dopo, con la stessa logica, affrontiamo la crisi climatica, che colpisce in primis i più vulnerabili. Altromercato si assume, insieme ai propri partner, la responsabilità di combatterla. È una priorità assoluta e una questione di giustizia”.

Gli ospiti della ricca kermesse

L’evento veronese sarà totalmente plastic-free. Oltre ai contributi degli agricoltori citati – ai quali si aggiungerà Vitoon R. Panyakul, agronomo tailandese – sono previsti quelli del professor David Bolzonella, proveniente dal dipartimento di biotecnologie dell’Università di Verona; di Federico Testa, presidente dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea); e di Beatrice De Blasi, autrice degli scatti raccolti nella mostra fotografica dal titolo “Amazzonia. Le custodi della biodiversità” che documentano lo stile di vita dei popoli indigeni Shuar e Achuar, con cui Altromercato collabora da tempo.

Sarà infine possibile assistere alla proiezione del documentario Soyalism, che racconta la filiera di produzione industriale della carne di maiale a partire dalla coltivazione di soia per i mangimi, e partecipare alla sfilata di presentazione della collezione di moda sostenibile On Earth.

Come ha detto la giovane attivista Greta Thunberg, “la nostra casa sta bruciando”. Gli esempi di Juan e José ci dimostrano che, purtroppo, è la verità, ma pure che l’incendio si può spegnere. Altromercato combatte al loro fianco: è ora che li sosteniamo anche noi.

Foto in anteprima: Pioniera dell’agricoltura biologica in Asia, Green net è fortemente impegnata nella salvaguardia dell’ambiente, tutela della biodiversità e lotta ai cambiamenti climatici © Green net
Articoli correlati
Il clima entra nel piatto: riscaldamento globale e food si influenzano a vicenda

Cambiamenti climatici e alimentazione: come si influenzano a vicenda? È il riscaldamento globale a rendere necessari metodi di coltivazione sempre più aggressivi o, all’opposto, è un’agricoltura troppo intensiva ad aver peggiorato la situazione ambientale globale? Anche di questo si è discusso nella tavola rotonda Corretta alimentazione e sostenibilità ambientale che si è svolta lo scorso 1 ottobre al Salone della Csr e dell’innovazione sociale presso l’università Luigi Bocconi di Milano.